HONDA CRF 450 2017 – CI SIAMO! TEST!

Scritto lunedì 19 dicembre 2016 alle 12:32.

Eccoci qui finalmente, le moto sono arrivate col conta gocce, ma siamo riusciti a provarla, da li il titolo “CI SIAMO!” Eggià, perché anche se la Honda non ci ha invitati alla prova ufficiale, forse perché siamo scomodi e credono che non siamo in grado di provare delle moto o forse perché credono che ci piaccia denigrare un prodotto a priori, si sbagliano, quindi la prova l’abbiamo fatta nella maniera più normale che si possa fare, forse anche la più vera, perché senza tecnici e persone specializzate, si scarica la moto dal furgone e la puoi stocacciare come ti pare, fai le tue misurazioni, anche strampalate, ma la provi come un appassionato vero che decide di provare una moto di un amico, infatti l’amico è l’insuperabile Canzio Ironman Paolo Canziani!!!

Ma bando alla chiacchiere, ora vi raccontiamo la nostra con gli occhi e le sensazioni di chi le moto le deve comperare e decide di provare per capire, bene, ci sediamo sopra per capire le dimensioni, visto che guardandola sul cavalletto sembra piccola, sembra perché compatta, una linea che personalmente mi è piaciuta da subito, i convogliatori che si raccordano con i fianchetti, la cassa filtro, le tabelle laterali e il parafango posteriore, insomma, una bella linea nuova, e allora quando sei su vedi che non è ne piccola e ne grossa, ha le giuste proporzioni, tra le gambe, nel punto dove si deve stringere, c’è, non hai la sensazione della moto piccola, la cosa che ti lascia stranito è la parte del cannotto di sterzo, ecco, visivamente in quel punto sembra vuota, diciamo sembra perché se il resto della moto da l’idea di un pezzo unico per le plastiche, in quel punto hai la percezione che manchi qualcosa ma è solo una questione visiva, forse meglio perché hai senso di spazio! La guardi in tutti i suoi lati e noti che i doppi silenziatori sono piccoli e ben fatti, te la studi per bene e non c’è molto da dire, è bella…..è una moto nuova ed è bella per forza!

Dopo aver valutato bene l’estetica e i vari ingombri controlliamo la mappatura che ha su, ce ne sono tre, diciamo una morbida, media e hard, poi controlliamo sag e vari click tra forcella e mono, dove quest’ultimo ha le regolazioni come devono essere posizionate, compressione in alto e ritorno in basso, quindi CI SIAMO, unica pecca è che per regolare il ritorno del mono devi tirare giù la moto dal cavalletto e regolare! Ecco, già che ci siamo tastiamo con le mani la compressione, cosa che serve poco, ma che da una minima idea, infatti la sensazione è che il mono sia pastoso e che lavori meglio, ma noi smettiamo su un ipotetica regolazione standard! Non resta che entrare in pista, bene, un calcio e la moto parte, non capiamo che problemi abbia la gente a far partire le moto, forse anche qui è una questione di sensibilità, fatto sta che il motorino d’avviamento non c’è ancora su questa e non ci interessa nemmeno, la moto parte al primo calcio, ha, piccola parentesi, la moto ha già 4 ore di utilizzo, quindi vari assestamenti ci sono stati e non è così usurata come potrebbe essere, insomma, accendiamo ed entriamo in pista!

Ora, senza tanto dilungarsi, la moto si comporta molto bene, come prima entrata non ho forzato nulla, solo sentire cosa mi trasmetteva, infatti confermo, il mono lavora benissimo o molto meglio rispetto la forcella, che tra l’altro come sapete è tornata a molla, per chissà quale motivo poi, forse uno dei tanti è l’incapacità delle persone ad adattarsi all’evoluzione o ai cambiamenti in positivo, si sa, le novità vengono sempre prese con le pinze, ma vi assicuro che se avessi avuto le forche ad aria mi sarei fatto la molla a misura per il mio peso e questo forse ora servirà a far capire che limite c’è nella molla! Una prima entrata positiva, il motore con la mappa hard mi piace, non mura ed è molto progressivo con la possibilità di insistere con la marcia che ti porta a dare una trazione alla ruota molto importante, ovviamente non ho sentito questa potenza inaudita di cui tutti parlano, ma ha motore e a me piace con la mappa hard, ti fa sembrare la Honda come una delle altre jappo, cosa che magari gli Hondisti non sono abituati, insomma, salite e discese le fai col motore bello in tiro, ti porta lontano e sembra non finire, da sotto fino in alto, mi piace, mentre non mi piace molto la soft, ma sono gusti personali, forse a luglio potrei trovare piacere ad usare una mappa del genere, perché sotto è molto dolce e poi in alto ha più forza. Comunque la mappa hard è bella progressiva e decido di tenerla per tutto il giorno!

Nelle entrate successive abbiamo regolato meglio i vari click, del mono nulla da come erano stati messi alla mattina, mentre per la forca abbiamo frenato un po’ il tutto, a me piace un ritorno abbastanza frenato e considerando che la forcella è stata montata con un idraulica e una molla più tenera rispetto alle mie preferenze, decido che è meglio per rapportarla al mono che è più pastoso, come mi conferma il Moltra (alias Andrea Moltrasio, col quale ho avuto una telefonata per confrontarmi e in effetti mi conferma tutto quanto detto, compreso il discorso aria!), quindi, trovato il giusto setting per la mia guida, ho forzato le staccate e le curve, il tutto con un positivo ed entusiasmante test della moto, in sostanza vi dico CI SIAMO!!!

Traendo le conclusioni, negli ultimi anni la moto aveva delle geometrie che a mio avviso mandavano in difficoltà il pilota medio/alto, ora la moto la sento molto bene per le mie misure, me la sento più allungata e più stabile nelle salite e discese, nelle curve si comporta bene, sopratutto il mono che non da brutte reazioni e rimane li, ovviamente vorrei una forcella un pelo più pastosa per gusto personale, sui salti si comporta bene, puoi caricare il mono sulle rampe, in aria è precisa e ti da fiducia da subito, atterri e dai gas facendo molta strada!

Così ora sentiremo gridare gli hondisti “al miracolo”, mentre io direi CI SIAMO, siete tornati ad avere una moto come si deve, ho letto anche in giro che l’ultima Honda fatta bene era la 2008, io non ricordo bene com’era, ma ricordo che era ben bilanciata e le sospensioni andavano molto bene, ora si è tornati a quelle sensazioni, un passo indietro per ritrovare la strada giusta, però questa non la paragonerei a quel CRF, perché questa ha tutto di nuovo, gli manca l’aria, ma secondo me tornerà e sarà un bene!

Che dire, sicuramente riacquisteranno quella fetta di pubblico che persero negli anni, a mio avviso la moto è valida ed è da comperare se vi piace, è migliorata in alcune cose, come la linea, le geometrie del telaio di nuova generazione e il mono, il motore con una bella erogazione gestibile dalle mappe per terreni e manette, tornando ad una forcella facile da sistemare ma limitata per la molla…….ma naturalmente TUTTE le moto vanno sistemate mediante le proprie caratteristiche, non è detto che la forcella vada male per tutti, magari è i mono ed essere più duro per qualcuno, quindi non parliamo di difetti ma di sistemare con semplicità, d’altronde anche Belen fa le puzzette! 😀 

Se vi interessa potete lasciare un messaggio o fare delle domande o più semplicemente dare un vostro parere dopo che avete provato la moto in pista CLICCANDO il link!!!

http://forum.mxbars.net/viewtopic.php?f=5&t=92016

E come dice il Vacchi…..ENJOY! 😀

SEGUITECI QUI!!!

https://www.facebook.com/mxbars

https://twitter.com/MxBars

https://www.instagram.com/mxbars/

 .