GP TRENTINO 2017 – Riders comment!

Scritto lunedì 17 aprile 2017 alle 09:56.

 

Pietramurata (TN), 16 aprile 2017 – Gara da aggiungere a quelle da ricordare quella della classe MXGP a Pietramurata, teatro della quinta tappa del mondiale Motocross 2017. Tanti i colpi di scena in questa gara Pasquale ma un denominatore che indica l’inconfutabile supremazia azzurra, tre vittorie su quattro classi per la compagine azzurra, un dato fantastico quanto straordinario che ripaga le aspettative non solo del grande pubblico, ma anche gli sforzi organizzativi, con Youthstream, Bprom e Moto Club Arco.
A dispetto della pioggerella del sabato a fine qualifiche, la domenica ha regalato una bellissima e ventilata giornata di sole, con le varie sessioni che sono scorse velocemente fino alle finali, regalando gare appassionanti e proficue per i colori azzurri.

 

GP of TRENTINO 2017 – PIETRAMURATA – Risultati e punti

http://blog.mxbars.net/2017/04/16/gp-of-trentino-2017-pietramurata-risultati-punti/

 

GP of TRENTINO 2017 – NEWS HIGHLIGHTS

http://blog.mxbars.net/2017/04/16/gp-of-trentino-2017-news-highlights/

 

MXGP PODIO

Tony Cairoli: “Penso che questo è uno dei miei migliori GP di sempre. Mi sono sentito spingere fuori pista da Tim alla prima curva e non ho apprezzato questo, ma sono le gare. Ho dovuto vincere questo GP, e sono così felice per i tifosi. La partenza è stata importante e sono rimasto bloccato e sono caduto, sono stato colpito da alcuni piloti. Ho lavorato duro ed ero arrabbiato e ho continuato ad andare e ho visto che era possibile vincere, passando che su questa pista è così difficile passare. Ero molto incazzato perche ho commesso un errore e poi ho detto ‘ho bisogno di mettermi sul podio’; Ho fatto del mio meglio per tornare dal ventesimo posto e farlo. E ‘stato piuttosto duro in alcuni punti, ma ho fatto i sorpassi. Quando sono arrivato al settimo o ottavo ho visto il gruppo davanti e ho pensato che fosse possibile raggiungere Evgeny Bobryshev per la vittoria assoluta e continuato a spingere e spingere e fare passaggi. Ho avuto alcuni momenti duri, ma che è parte delle corse: se si vuole vincere bisogna correre dei rischi. Sono veramente felice.”

Tim Gajser 243: Ho avuto due gare diverse oggi, nella prima gara non ho avuto il miglior inizio e anche io non mi sentivo bene sulla moto. Stavo guidando un po ‘rigido e avevo le braccia dure, quindi sono contento che sono arrivato terzo. Proprio all’inizio della gara ho commesso un errore quando sono andato a passare Cairoli e poi non riuscivo a trovare di nuovo il ritmo. Nella seconda gara ho preso l’holeshot e ha preso un po ‘di gap, ero in sella come so fare. Stavo controllando dietro di me per tutto il tempo, Bobryshev era veramente veloce e Cairoli. La folla era incredibile e sono abbastanza contento del risultato questo fine settimana.

Arnaud Tonus:  “Mi sento come se avessi fatto un grande passo nella giusta direzione, ho avuto un buon feeling su questa pista e la mia YZ450F ha lavorato davvero bene. Nella seconda la mia partenza non è stata così grande, ma ero in sesta e poi Antonio Cairoli mi ha passato, ma ci siamo stati per tutta la gara. In generale sono molto contento per la squadra, sono stati grandi.”

MX2 PODIO

Jorge Prado: “Non ho mai immaginato di avere una buona gara così qui e sono un po ‘perso per le parole in questo momento, sono commosso. Ho cercato di fare un buon risultato dopo ieri, ma per vincere? Questo è davvero difficile. Questo è il risultato di un grande pre-campionato e molti anni di lavoro: per arrivare a questo punto e poter vincere un Gran Premio. La vittoria qui in GP è una cosa speciale, quindi sono davvero contento del mio lavoro di oggi “.

Pauls Jonass: “Non mi sentivo bene il Sabato e durante la notte stavo pensando circa le modifiche da poter fare sulla moto e abbiamo fatto alcune piccole modifiche sulla sospensione ed è andato tutto bene. Ha contribuito a ottenere il primo holeshot nella prima manche e poi concentrarsi solo su me stesso e fare la mia linea. Nella seconda manche ero di nuovo messo bene al via, ma Jorge mi ha tirato via nei primi giri e ho avuto un ritmo buono, sono riuscito a prenderlo. E ‘stato davvero difficile passare qui e non ho potuto farlo accadere. Inoltre non ho voglia di fare un errore. Sono contento del secondo oggi perché dopo Sabato pensavo che un top ten sarebbe stato il massimo e invece!”

 

____________________________________________________________________

 

ALTRI PILOTI 

Michele Cervellin 747: Oggi per me è stata una giornata a metà. La prima manche era buona, ho finito sesto, ero felice con la mia prestazione. Nella seconda manche sono uscito e sono caduto due volte nel corso del primo giro, che mi ha arretrato parecchio ed è stato così difficile tornare indietro e passare in pista e la classe è molto completa oggi. Ho provato a tornare indietro ma entro la fine della gara non ho finito in zona punti, che non è buono per il campionato ma devo metterla dietro di me e guardare avanti a Valkenswaard il prossimo fine settimana.

Thomas Kjer-Olsen: “Sono veramente soddisfatto di come le cose stanno andando in questo momento. Avendo vinto la manche di qualificazione, mi sono garantito una buona posizione al cancelletto, e sono riuscito a realizzare due ottime partenze in entrambe le manche. Nonostante una caduta all’inizio della prima manche, sono riuscito a risalire dall’ottava alla quinta piazza. Poi in Gara2 ero ancora lì a lottare per il podio per la maggior parte del tempo, ma una caduta poco prima della conclusione mi ha retrocesso in sesta posizione. Nel complesso comunque stiamo facendo grandi passi avanti a ogni GP. Al momento sto guidando bene, e non vedo l’ora che arrivi il prossimo GP a Valkenswaard.” 

Thomas Covington: “Per me è stato un buon GP. Abbiamo avuto un po’ di alti e bassi, ma abbiamo dimostrato che la velocità c’è sempre. In Gara1 sono partito male e da lì è stato difficilissimo risalire nel gruppo. Ho fatto qualche bel sorpasso, ma quando stavo lottando per entrare nei primi sei sono stato sbalzato di sella e ho dovuto accontentarmi dell’undicesimo posto. Poi in Gara2 sono partito molto meglio, e ho corso quasi tutta la gara in quarta posizione, ma mi sentivo in forma e sono riuscito a spingere ancora un po’, arrivando terzo. Nel complesso sono contento di come ho guidato in Italia. L’obiettivo resta quello di ridurre al minimo gli errori, in modo da lottare costantemente per la top 3 in tutti i prossimi GP.” 

Conrad Mewse: “Direi un buon weekend. Ho corso due buone manche, lottando con i più forti della MX2, e questo è stato un netto miglioramento rispetto ai precedenti GP di questa stagione. Prendermi un po’ di tempo libero nelle ultime settimane mi ha davvero aiutato a riprendere fiducia, e mi sento molto più forte mentalmente. Ci sono ancora alcune cose che dobbiamo migliorare, ma continueremo a lavorare sodo come stiamo già facendo. Il decimo posto di giornata in questa pista così mono-traiettoria è molto positivo, e non devo l’ora che arrivino le prossime gare.”

Gautier Paulin: “Qui in Italia ho avuto buone sensazioni per tutto il weekend. Fin dalla manche di qualificazione abbiamo fatto vedere di avere la velocità per lottare per il podio. Abbiamo lavorato moltissimo negli ultimi mesi, e sento che ci meritiamo di salirci. Sono anche contento delle mie partenze, buone in entrambe le manche. Il piano è ora di continuare a lavorare sodo, e sono piuttosto fiducioso che i risultati inizieranno ad arrivare.” Max Nagl: “Conosco molto bene questa pista, per cui il feeling è stato subito buono appena arrivati in Italia. Il quinto posto nella manche di qualificazione mi ha consentito di avere un buon cancelletto, e nelle due manche della domenica credo di aver dato il massimo, ma per qualche ragione non sono riuscito ad essere in lotta per le prime posizioni. Con questa pista mono-traiettoria era difficile fare sorpassi, e in entrambe le manche altri piloti hanno tentato manovre molto aggressive, per cui abbiamo dovuto restare concentrati per non cadere. Il nono posto di giornata in queste circostanze non è male, ma abbiamo bisogno di migliorare la velocità. In settimana abbiamo due giorni di test prima di andare a Valkenswaard: il lavoro prosegue, con l’obiettivo di alzare l’asticella e riuscire a lottare costantemente per il vertice della MXGP.”

 
 
Clement Desalle: “Mi sono qualificato in sesta posizione il Sabato, ma la seconda parte della gara non era buona come la prima così abbiamo cambiato alcune impostazioni sulla moto per oggi. La sensazione era meglio per le gare, ma ancora una volta la partenza è stata importante in quanto c’è un gruppo di piloti veloci in questa classe per cui la posizione alla prima curva spesso influenza il risultato finale. Ho finito al quinto posto in ogni gara, ma penso che avrei potuto ottenere di più con un inizio migliore; nella prima manche abbiamo tutti seguito l’un l’altro, poi nella seconda ero quarto dietro Herlings, ma non ho potuto passare e, infine, Cairoli mi ha superato. E ‘stato un week-end decente, ma voglio ottenere di più e spero che Valkenswaard sarà diverso per me.”

Kevin Strijbos: “Non ho ottenuto buona partenza nella prima manche, trovandomi circa ventesimo alla prima curva, ma poi ho iniziato a fare un sacco di sorpassi nel seguenti due curve, cosa che in precedenza era un mio punto debole, così questa è una cosa positiva. Ho finito per ottenere un nono posto, che era il meglio che potessi fare su questa pista, dove era così difficile superare. Mi sentivo bene, i tempi sul giro erano decenti e un quinto o un sesto posto sarebbe potuto essere possible. Poi nella seconda partenza, ho impennato, così ancora una volta ho dovuto rimontare ma, come nella prima manche, sono stato in grado di fare un sacco di sorpassi nelle prime curve ed sono risalito fino al decimo. Avevo una buona velocità, ma non riuscivo a chiudere il gap col pilota davanti e poi ad un giro dalla fine la moto ha smesso di funzionare, così ho lasciato perso posizioni.”

Arminas Jasikonis: “E ‘stata una buona giornata, sto migliorando in tutti i GP e penso che 12-11 non sia troppo male quando si guarda a tutti i piloti di GP esperti che sono arrivati davanti a me. E’ stato un buon weekend per me, da prendere in considerazione. la pista era molto stretta e non c’erano tracce per passare, ma ho potuto comunque rimontare attraverso il gruppo, quando non molti ragazzi potevano farlo, quindi sono contento di questo; ho solo bisogno di lavorare sulle mie partenze un po’. Sono felice, ci sono alcune cose positive e devo un grande grazie alla mia squadra per aver lavorato così duramente per aiutarmi ad ottenere il meglio dalla nuova RM-Z450WS. il prossimo GP è su sabbia così ancora una volta cercheremo di migliorare e mettere insieme tutto per un risultato migliore.”

Jeremy Seewer: “Io cerco di essere positivo, ma è difficile essere troppo positivi sulle mie gare di oggi. Abbiamo faticato così tanto con l’inizio, che è così frustrante, questa è la cosa più importante, soprattutto in una pista come questa. La mia fiducia era al 200% dopo ieri, ho fatto bene in tutte le prove, poi di nuovo nella gara di qualifica e anche questa mattina nel warm-up, mi sono sentito così sorprendente sulla moto e io sapevo che se fossi stato lì fin dall’inizio potevo provare a batterli, perché questo è il tipo di pista in cui sono bravo. E ‘così frustrante non essere in grado di mostrare cosa è possibile fare a causa di brutte partenze e rimanere bloccati dietro piloti fin dall’inizio. Mi trovavo al nono ma so che avrei potuto fare molto meglio. Sono stato in grado di dimenticare la gara1 per la seconda manche e fatto una buona partenza e ho fatto il meglio. Dalla quinta però, è molto difficile raggiungere i primi su questa pista, tutti hanno lo stesso ritmo più o meno. Prado è stato un po ‘più veloce perchè aveva la pista libera, ma per me, è frustrante per combattere tutta la manche e finire solo al quarto posto “.

Jeremy Van Horebeek: “Sì è stato un buon fine settimana, ero davvero messo male dopo il Messico, non ho fatto niente per due settimane e poi sono andato al campionato belga e ho cercato di correre. Ho vinto lì, ma mi sono messo a vomitare in seguito, quindi non ero al top di certo se avessi avuto forze per questo fine settimana sarebbe andato meglio. Alla fine è stato bene, ho solo perso le partenze, ma la mia velocità era buona, ho avuto davvero una buona atmosfera con il team, la moto era ottima. Ho avuto un buon week-end, solo che non è proprio quello che speravamo “.

Romain Febvre: “Io non so cosa dire mi sento come strano, non so il motivo per cui la velocità non è là io continuerò a lavorare…”

.

SEGUITECI QUI!!!

https://www.facebook.com/mxbars

https://twitter.com/MxBars

http://instagram.com/mxbars/

.

Antonio Cairoli: “I think this is one of my best races, best GPs ever. I hit the bank on the first corner and almost crashed into the mud but then crashed in the second corner and was hit by a lot of people. I was very p**sed off that I made a mistake and then said ‘I need to put myself on the podium’; I did my best to come back from twentieth place to do that. It was pretty sketchy in some places but I made it happen. When I got to seventh or eighth place I saw the group in front and thought it was possible to catch (Evgeny) Bobryshev for the overall win and kept pushing and pushing and making passes. I had some sketchy moments but that is part of racing: if you want to win you have to take risks. I’m really happy.”

Tim Gajser: I had two different races today, in the first race I didn’t have the best start and I also didn’t feel good on the bike. I was riding a bit stiff and had arm pump, so I am glad that I finished third. Right at the beginning of the race I made a mistake when I went past Cairoli and then I couldn’t find the rhythm again. In the second race I took the holeshot and made a little gap, riding like i know how. I was checking behind me all the time as Bobryshev was really fast and Cairoli. The crowd was amazing and I am quite happy with the result this weekend.

Arnaud Tonus: “I feel like I’ve taken a big step in the right direction, I had a good feeling on this track and my YZ450F was working really good. In the second one my start was not so great, but I got up to sixth and then Antonio Cairoli passed me but I stayed there for the whole race. Overall I am really happy for the team as well, they’ve been great.”

Clement Desalle:I qualified in sixth position on Saturday, but the second part of the race was not as good as the first half so we changed some settings on the bike for today. The feeling was better for the races, but once more the start was important as there’s a group of fast riders in this class so the position in the first corner often influences the final result. I finished fifth in each race but I think that I could have achieved more with a better start; in the first moto we all followed each other, then in the second one I was fourth behind Herlings but I couldn’t pass him and finally Cairoli overtook me. It was a decent weekend, but I want to achieve more and I hope that Valkenswaard will be different for me.”

Jeremy Van Horebeek “Yeah it was a good weekend, I was really sick after Mexico, I did nothing for two weeks and then I went to the Belgian Championship and tried to race. I won there but I was throwing up afterwards, so I wasn’t sure if I could have the power this weekend. In the end it was okay, I just missed the starts, but my speed was good, I had a really good atmosphere with the team, the bike was great. I had a good weekend, just not quite what we hoped for.” 

Shaun Simpson “This weekend was always going to be tough for me because I don’t normally ride too well here. I was 18th in Qualifying yesterday so I didn’t have the best starting position. I tried to cut inside Antonio Cairoli in the first race but it didn’t work. The first race, I rode pretty solid, made a couple of passes and finished tenth so I was quite happy with that. In the second race I was in about sixth or seventh and then Antonio pushed me up against the bank at turn two, and the third turn there was absolute carnage as well. All in all, I’ve got some homework to do this week and should come out swinging at the next round in Valkenswaard.”

Romain Febvre: “I don’t know what to say. I just feel like I don’t know why the speed is not there. I will keep working.”

Coldenhoff: “We had some issues on Saturday, made some changes and then felt much better. We had a problem in the qualification heat and it made me a bit wary but I was hopeful for the motos because if I knew I had the start then I’d be OK. I had to use the clutch a little in the first start and didn’t get away well. I wasn’t comfortable in that moto and couldn’t do what I wanted. I was fighting hard but was stuck behind (Tanel) Leok for a while. I finished seventeenth and was really disappointed. The second moto start was much better and I was in the top four but didn’t have the speed like the top guys; I was a little bit off the pace. Tenth is a solid result but I’m still disappointed.”

Jorge Prado: “I never imagined to have such a good race here and I’m a little lost for words at the moment. I knew a good result was possible after yesterday but to win? That’s really difficult. This is the result of a big pre-season and many years of work: to get to this point that we could win a Grand Prix. Only the best win here [in GP] so I’m really happy with my work today.”

Pauls Jonass: “I didn’t feel good on Saturday and during the night I was thinking about the changes I could make on the bike and we made a few little alterations on the suspension and it worked out well. It helped to get the first moto holeshot and then just focus on myself and ride my own lines. In the second moto I was again good at the start but Jorge pulled away in the first laps and I got a rhythm going and managed to catch him. It was really difficult to pass here and I couldn’t make it happen. I also didn’t want to make a mistake. I’m happy with second today because after Saturday I thought a top ten would be good!”

Michele Cervellin  747: Today for me was a day of two halves. The first Moto for me was good, I finished sixth which I was happy with. In the second Moto I went out and crashed two times in the first lap which set me back and it was so difficult to come back and pass on the track and the class is very full today. I tried to come back through but by the end of the race I still didn’t finish in the points, which isn’t good for the championship but I have to put it behind me and look ahead to Valkenswaard next weekend.

Jeremy Seewer: “I try to be positive but it’s hard to be too positive about my races today. We struggled so much with the start which is just so frustrating as that’s the most important thing, especially at a track like this. My confidence was like 200% after yesterday, I did well in all practices, then again in the qualifying race and also this morning in warm-up, I felt so amazing on the bike and I knew that if I was there from the start I was going to beat them because this is the kind of track that I’m good at. It’s just so frustrating not to be able to show what you can due to having a bad start and getting stuck behind riders from the beginning. I got up to ninth but I know I could have done so much better.  I was then able to forget about that for the second moto and got a good start and made the best out of it. From fifth though, it’s very difficult to get to first on this track as everyone is the same pace more or less. Prado was a little quicker as he had a clear track but for me, it’s frustrating to battle the whole moto and finish only in fourth place.”

Thomas Kjer-Olsen“I’m really satisfied with how things are going at the moment. After winning the qualifying race I secured a good starting position and managed to earn two very good starts in the final motos. Despite an early crash in moto one I came back from eighth to cross the line in fifth place. Then in moto two I was there again battling for the top for most of the race but a fall before the finish dropped me to sixth. Overall, we keep on making big steps forward in each GP. My riding is good at the moment and I’m looking forward to the following GP in Valkenswaard.” 

Thomas Covington“It was a good GP for us. We had some ups and downs but we showed the speed is there. I had a bad start in the opening moto and then it was really hard work to come through the pack. I made some good passes but as I was battling to get inside the top six I went over the bars so had to settle for 11th. Then in moto two my start was a lot better. I was fourth for most of the race but felt really good and pushed hard for third. Overall, I’m really happy with my riding in Italy. The goal is to minimise mistakes so that we can consistently fight for the top three in each of the coming GPs.” 

Conrad Mewse“It’s been a good weekend for us. We had two solid motos battling with the top guys in MX2 and that’s been a great improvement compared to previous GPs this season. Taking some time off during these past few weeks has massively helped regain my confidence, so mentally I feel a lot stronger. There’s a few more things we need to improve, but we’ll keep working as hard as we do. Getting 10th overall in this one-lined track is very positive and I’m looking forward to the races to come.” 

Gautier Paulin: “We had a good feeling throughout the weekend here in Italy. From the qualifying races to the final motos we showed the speed was there to battle for the top three. We’ve done a tremendous amount of work during the last few months and I feel that we deserve to be on the podium. I’m also very happy that my starts were good in both motos. The plan is to continue working as hard as we do and I’m pretty confident results will slowly start coming our way.” 

Max Nagl“We know this track really well so the feeling was good as soon as we got to Italy. Getting fifth in the qualifying race I managed to secure a good spot on the starting grid. During the final motos I felt I did my best, but for some reason I struggled to remain in the battle for the top. With the track being one-lined it was quite hard to make passes. There were some aggressive moves from other riders in both motos, so we had to stay focused on keeping it on two wheels. Earning ninth overall under such circumstances is not bad but we need to improve on our speed. We have a two-day testing session scheduled for this week before heading to Valkenswaard. The hard work continues with the goal to step it up and be able to consistently battle for the top in MXGP.”

.

SEGUITECI QUI!!!

https://www.facebook.com/mxbars

https://twitter.com/MxBars

http://instagram.com/mxbars/

.