KAWASAKI KX250F & KX450F 2014!!!

Scritto lunedì 17 giugno 2013 alle 22:40.

14KX250Z_201LIMDRF00D_C_leo


KAWASAKI MODELLO: KX250F 

PRESTAZIONI DA CAMPIONE

La filosofia dietro al design della serie KX è semplice: far salire sul gradino più alto del podio i piloti con esperienza medio-alta. È la stessa filosofia da quando è stato creato il marchio KX 40 anni fa. I 31 titoli AMA SX nel suo palmarès, più di qualunque altro costruttore, testimoniano il contributo di KX al successo dei suoi campioni, e la KX250F è una delle moto più vincenti nella classe 250cc. Le prestazioni di motore e telaio forniscono ai piloti ciò che serve per vincere. Oltre alle prestazioni eccezionali, la KX250F è tecnologicamente avanzata e presenta numerose caratteristiche, introdotte per la prima volta in un modello di serie, per spingere i piloti in testa al gruppo.

 

Risultati convincenti

Al vertice nelle gare

2011 AMA SX Lites West 2011 AMA MX Lites

Campione 1°-2°-3° posto

2012 AMA 250MX

Campione

Prestazioni all’avanguardia nel settore

Prestazioni del motore dominanti: doppi iniettori e aspirazione diretta

Prestazioni da gara: pistone con fondo bridged-box

NOVITÀ Vantaggio holeshot: modalità Launch Control

Il sistema con le stesse specifiche delle moto da corsa AMA aiuta i piloti nelle partenze ad aderenza ridotta.

Facile messa a punto del motore: selezione taratura DFI

Gli attacchi rapidi DFI plug-and-play forniscono 3 mappature del motore tra cui scegliere: Standard, Soft (condizioni morbide) e Hard (condizioni rigide).

Il kit settaggio iniezione per le mappature consente di riprogrammare le tarature.

Messa a punto di precisione del motore: kit settaggio iniezione con le stesse specifiche del reparto corse (optional)

Telaio perimetrale snello in alluminio leggero

Tecnologia avanzata delle sospensioni: forcella SFF (Separate Function front Fork) Tipo 2

La struttura Tipo 2 (asta unita rovesciata) ha un carattere più progressivo, che consente una migliore resistenza all’effetto bottoming senza compromettere la qualità di guida.

 


 14KX250Z_201LIMDLS00D_C

IN SINTESI

Motore monocilindrico a 4 tempi da 249 cm3 raffreddato a liquido e con doppi iniettori
I doppi iniettori, utilizzati per la prima volta in una motocross di serie, contribuiscono in maniera determinante alle prestazioni del famoso motore a iniezione della KX250F. L’aspirazione diretta del motore della KX250F consente una maggiore potenza agli alti regimi. Messo a punto per ottenere prestazioni elevate, il motore garantisce potenza agli alti regimi unita ad un’eccellente risposta.

Messa a punto stile reparto corse
Il pistone con fondo bridged-box (introdotto con il modello KX250F 10MY per la prima volta in una motocross di serie) è soltanto una delle numerose caratteristiche che arrivano direttamente dalle nostre moto da corsa.

Comando progressivo
Il leggero corpo farfallato da 43 mm utilizza due leveraggi interconnessi con un comando progressivo, fornendo così un’eccellente risposta in termini di reattività e potenza.

ECU per il motocross con tarature regolabili
Una centralina ECU dal peso contenuto è stata progettata appositamente per far fronte alle rigorose prestazioni del motocross. L’ECU contiene tre mappature del motore (più una quarta per la modalità Launch Control). Il kit settaggio iniezione per le tre mappature, disponibile come optional, consente di riprogrammare le tarature.

NOVITÀ Modalità Launch Control

Il sistema Launch Control stile reparto corse aumenta la probabilità di effettuare una buona partenza aiutando i piloti a massimizzare la trazione all’avvio su superfici ad aderenza ridotta.

Selezione taratura DFI
Utilizzando gli attacchi rapidi DFI forniti, i piloti possono accedere in modo semplice e rapido alla selezione di tre mappature (Standard, Hard e Soft) fornite nella nuova ECU.

NOVITÀ Telaio perimetrale snello in alluminio

Il telaio perimetrale in alluminio è una struttura leggera composta da parti forgiate, estruse e colate. Il design snello contribuisce a migliorare l’ergonomia da gara. Le nuove staffe anteriori del motore contribuiscono ad ottimizzare la rigidità e a migliorare la presa e le sensazioni sull’avantreno.

NOVITÀ Forcella SFF (Separate Function front Fork) Tipo 2
La forcella SFF, introdotta con il modello KX250F 11MY per la prima volta in una motocross di serie, alloggia un gruppo ammortizzante nello stelo sinistro e una molla nel destro. Gli steli con diametroφ48 mm e la struttura interna Tipo 2 contribuiscono a una maggiore sensazione di stabilità anteriore, un maggior confort di marcia e un’azione ammortizzante migliorata, oltre a ulteriore stabilità in frenata o in fase di atterraggio dopo un salto. Nel modello 2014 le nuove tarature delle valvole consentono una migliore ammortizzazione dall’inizio fino a metà escursione.

Sospensioni anteriori da gara
Il rivestimento in titanio a basso coefficiente di attrito (unico nella categoria) rende più uniforme l’azione della forcella. Il rivestimento Kashima Coat riduce ulteriormente l’attrito.

NOVITÀ Nuove sospensioni posteriori Uni-Trak
Gli attacchi del leveraggio sotto alla forcella consentono una regolazione più precisa delle sospensioni. La compressione a doppia regolazione offre un’ampia gamma di opzioni di messa a punto. Il rivestimento Kashima Coat sul cilindro del serbatoio migliora l’azione. Nel modello 2014 il nuovo assetto assicura un miglior confort di marcia, un’azione ammortizzante migliorata e una maggiore capacità di adattarsi alla conformazione del terreno.

Manubrio Renthal
Il manubrio e l’imbottitura stile reparto corse conferiscono maggiore leggerezza.

NOVITÀ Interfaccia da gara più naturale per il conducente
Il telaio snello, la scocca minimalista e la linea serbatoio-sella meno inclinata sono state introdotte per facilitare il raggiungimento delle alte velocità. Il nuovo design delle manopole garantisce una presa migliore.

Freni a disco a margherita
I freni a disco anteriore e posteriore a margherita, insieme al nuovo cilindro principale del freno anteriore di tipo ad asta, offrono un’ottima azione frenante e un controllo eccellente.

NOVITÀ Linea stile reparto corse
A complemento del design e della grafica stile reparto corse, i cerchi Black Alumite1 (neri), i paraforcelle neri, le finiture Blue Alumite1 (blu) per i registri delle sospensioni, e le finiture blu su alcune parti della modanatura del motore conferiscono alla KX250F un look all’altezza delle eccellenti prestazioni. I nuovi portanumeri anteriore e laterale bianchi contribuiscono a creare un look comune a tutti i modelli della serie KX.

14KX250Z_201LIMDRS00D_C

CARATTERISTICHE CHIAVE

MOTORE A DOPPIA INIEZIONE, POTENTE AGLI ALTI REGIMI CON MESSA A PUNTO DA COMPETIZIONE

Con una messa a punto per piloti esperti, l’ampia gamma di potenza del motore monocilindrico a 4 tempi da 249 cm3 raffreddato a liquido mira ad ottenere prestazioni elevate agli alti regimi e a estendere l’allungo. Ampiamente apprezzato per il suo elevato rendimento e l’omogenea erogazione di potenza (grazie ai doppi iniettori, utilizzati per la prima volta in una motocross,, all’aspirazione diretta e alla messa a punto e alle parti stile reparto corse, quali il pistone ad alte prestazioni con fondo bridged-box), il motore della KX250F modello 2014 trae beneficio dall’introduzione della modalità Launch Control Mode (proprio come la KX450F) e dalle revisioni alla trasmissione che assicurano cambi di marcia più fluidi.

 

Potenza ancora superiore: doppi iniettori e convogliamento diretto dell’aspirazione

A completamento della ben nota erogazione di potenza della KX250F, ottenuta grazie ai doppi iniettori (utilizzati per la prima volta in una motocross sul modello 2012), e al convogliamento più diretto dell’aspirazione, un’eccellente risposta dell’iniezione assicura omogeneità di erogazione.

* Il sistema d’iniezione carburante della KX250F è dotato di doppi iniettori: un iniettore a valle della valvola a farfalla (la posizione degli iniettori nei sistemi standard) e un secondo iniettore superiore ubicato vicino all’airbox.

* A differenza della doppia iniezione tipica dei modelli supersport (in cui l’iniettore superiore entra in gioco fornendo carburante aggiuntivo solo quando necessario), i due iniettori presenti nel sistema d’iniezione del carburante nella KX250F svolgono funzioni distinte: l’iniettore inferiore garantisce una risposta fluida e immediata, mentre quello superiore ha il compito di fornire potenza. Con l’aumento del regime di rotazione e della posizione delle farfalle, il funzionamento primario passa dall’iniettore inferiore a quello superiore. (A seconda che sia innestata una marcia bassa (1a, 2a) o alta (3a, 4a, 5a), il passaggio è graduale o pressoché istantaneo.)

* La maggiore distanza tra l’iniettore superiore e la camera di combustione non soltanto prolunga l’intervallo di miscelazione fra le particelle di carburante e l’aria di aspirazione, ma consente al contempo alla miscela di raffreddarsi prima di accedere alla camera di combustione, migliorando in tal modo l’ingresso dell’aria.

* Condotti di aspirazione ampi e dritti consentono all’aria di fluire in maniera diretta dalla scatola del filtro dell’aria alla camera di combustione. Questa disposizione contribuisce ad assicurare prestazioni ottimali agli alti regimi.

* Per garantire la repentina richiesta di un elevato flusso di carburante da parte del motore agli alti regimi, entrambi gli iniettori sono dotati di fori maggiorati rispetto a quelli utilizzati nella KX450F. Sebbene l’iniettore superiore sia dotato di un corpo più piccolo, entrambi gli iniettori sono a nebulizzazione ultrafine con 4 fori e spruzzano particelle delle dimensioni di 120 μm. Il flusso di carburante risulta quindi superiore del 20% circa rispetto alla KX450F.

* Il corpo farfallato da 43 mm utilizza un comando progressivo per fornire un flusso d’aria analogo ad un carburatore FCR. Utilizzando due leveraggi interconnessi, il corpo farfallato si apre con maggiore rapidità dopo aver raggiunto la posizione di apertura 3/8, fornendo così un’eccellente risposta in termini di reattività e potenza.

* Appositamente progettato per il motocross, il sistema d’iniezione carburante incorpora una centralina ECU leggera e di dimensioni ridotte e non necessita di batteria, in vista di un’ulteriore riduzione del peso. Con l’iniezione di carburante viene altresì eliminata la necessità di messa a punto del motore in funzione delle condizioni climatiche e del tracciato.

* L’esigenza di un avviamento rapido senza l’uso della batteria ha costituito un obiettivo primario nella progettazione del sistema d’iniezione della KX. Utilizzando solamente l’elettricità generata dall’avviamento a pedale, il motore può essere avviato con soli tre giri dell’albero motore. Il sistema fornisce elettricità nel seguente ordine: 1) ECU, 2) pompa carburante, 3) iniettore. A motore caldo, l’avviamento può avvenire con un solo azionamento del pedale.

* La centralina ECU compatta e leggera, ubicata di fronte al cannotto di sterzo (dietro al portanumero), è stata progettata specificatamente per il motocross. Per far fronte alle sollecitazioni e alle vibrazioni tipiche di questo utilizzo, il relè della pompa carburante è incorporato nella ECU.

* La pompa carburante, ubicata nel serbatoio carburante, è in alluminio leggero.

* Per garantire un flusso di carburante costante anche nelle condizioni operative più estreme dettate dallo stile del motocross, la pompa carburante è stata dotata di un coperchio per filtro in plastica integrato che avvolge il condotto di aspirazione e funge da pozzetto del carburante. (L’integrazione del coperchio del filtro, la modifica del materiale da gomma a plastica e l’eliminazione del tubo di ritorno carburante dal regolatore di pressione contribuiscono a ridurre ulteriormente il peso.)

 

Vantaggio holeshot: modalità Launch Control

NOVITÀ * Come il modello KX450F, la KX250F 2014 è dotata di un sistema Launch Control simile a quello delle nostre moto da competizione. Semplicemente premendo un pulsante i piloti possono attivare una mappatura del motore separata per garantire partenze efficienti in gara anche in condizioni di aderenza ridotta. (La mappatura della modalità Launch Control ritarda la fasatura dell’accensione, consentendo alle ruote di ottenere aderenza in situazioni di bassa trazione e permettendo ai piloti di concentrarsi sulle linee.)

NOVITÀ * La modalità Launch Control ha maggiore effetto durante i primi secondi di rilascio della frizione alla partenza. Per i piloti si tratta di un momento cruciale in cui posizionarsi in testa ai propri rivali, in modo da guadagnare una posizione migliore all’ingresso della prima curva.

NOVITÀ * Anche per i piloti di più alto livello, controllare l’incisiva potenza di un motocross classe 250cc alla partenza richiede un alto grado di controllo dell’acceleratore e delicatezza con la frizione. Diminuendo lievemente tale potenza, la modalità Launch Control aiuta i piloti a ottimizzare la trazione e aumentare la probabilità di effettuare una buona partenza.

NOVITÀ * Per attivare la modalità Launch Control i piloti devono tenere premuto il pulsante Launch Control (per due o più secondi), posizionato sul lato sinistro del manubrio. (Una volta attivato, la spia luminosa vicina al pulsante lampeggerà velocemente per avvisare il conducente che è in funzione.)

NOVITÀ * La modalità Launch Control funziona con la 1a e la 2a marcia (e in folle). Quando il conducente passa alla terza, il sistema si disattiva automaticamente, tornando alla mappatura normale del motore.

NOVITÀ * Sistema progettato con le stesse specifiche delle nostre moto da corsa AMA.

 

Facile messa a punto del motore: selezione taratura DFI (3 mappature a scelta)

La messa a punto del motore in funzione delle condizioni non è mai stata così semplice come con gli attacchi rapidi DFI della serie KX. Il sistema stile plug-and-play è rapido, semplice e privo di problemi.

* Invece di una sola mappatura del motore, l’ECU ne presenta tre (quattro, se si conta la mappatura della modalità Launch Control).

* Le tarature iniziali per le tre mappature sono: Standard, Hard (condizioni rigide) e Soft (condizioni morbide). Utilizzando gli attacchi rapidi in dotazione, i piloti possono passare velocemente da una mappatura all’altra, fra le tre esistenti, per soddisfare ogni condizione di guida. Inserendo ciascuno degli attacchi rapidi a quattro perni viene attivata la mappatura del motore corrispondente. (Per una maggiore praticità, la presa è situata a destra del cannotto di sterzo in modo da essere facilmente accessibile senza dover rimuovere alcun elemento.)

* Il kit settaggio iniezione per le tre mappature, disponibile come optional, consente di riprogrammare le tarature (vedere sotto).

 

Messa a punto di precisione del motore: kit settaggio iniezione (opzionale)

Il kit settaggio iniezione è lo stesso kit utilizzato dai team di Kawasaki in Europa e negli Stati Uniti. Il kit consente ai piloti esperti di regolare le caratteristiche del motore, tramite riscrittura della mappatura dei dati effettivi, in base alle esigenze individuali, di registrare, quindi, i dati di guida e successivamente di analizzarli per procedere a ulteriori messe a punto.

* Il kit settaggio iniezione contiene KX Software Racing, il controller dell’ECU, l’attrezzatura per il montaggio e gli ammortizzatori e un cavo USB. Oltre al kit, sono necessari solamente alcune parti specifiche per il modello (disponibili separatamente), un PC e una batteria da 12 V.

* Il kit, facile da utilizzare, è stato ideato per soddisfare sia i piloti da gara sia i piloti esperti:

  • per facilitare l’accesso, il controller dell’ECU si trova dietro al portanumero

  • per accedere all’ECU, è sufficiente collegare un PC al controller tramite cavo USB (non vi sono ulteriori interruttori da azionare)

  • la regolazione delle impostazioni può essere effettuata anticipatamente con il PC o direttamente quando si è collegati all’ECU

  • l’interfaccia utente del kit è intuitiva e di facile utilizzo

* Il kit settaggio iniezione dispone di sette impostazioni preprogrammate che possono essere utilizzate in maniera facile e veloce per la regolazione dell’ECU in base alle condizioni del tracciato. Le impostazioni disponibili sono mostrate di seguito.

IMPOSTAZIONE

DESCRIZIONE

Carburante più ricco

carburante più ricco del 5% rispetto al normale

Carburante più magro

carburante più magro del 5% rispetto al normale

Accensione avanzata

accensione avanzata di 3o rispetto al normale

Accensione ritardata

accensione ritardata di 3o rispetto al normale

Fondo stradale duro

accensione ritardata, carburante più ricco

Fondo stradale morbido

accensione ritardata, carburante più ricco

Principiante

potenza del motore ridotta: accensione ritardata, carburante più ricco

Messa a punto da competizione e altre caratteristiche sportive del motore

* Il motore è stato messo a punto in modo che la curva della coppia segua il limite di resistenza dinamica il più a lungo possibile. (In mancanza di controllo la coppia del motore potrebbe superare tale limite e provocare lo slittamento della ruota, interferendo sul moto in avanti).

* Notevoli gli sforzi profusi per ampliare il più possibile il range della coppia, in modo da ottimizzare la trazione in una gamma di regimi di rotazione del motore più ampia possibile.

* Il pistone ad alte prestazioni richiama il design delle nostre moto da corsa e garantisce migliori prestazioni a qualsiasi regime del motore. Un mantello ridotto, le nervature esterne rinforzate e l’introduzione, unica nella produzione di serie, di un pistone con fondo bridged-box, dotato di rinforzo interno, si traducono in un pistone più leggero e resistente.

* La stagnatura e la striatura presenti sulla superficie esterna del pistone garantiscono un buon livello di resistenza all’usura e di ritenzione dell’olio a fronte di un attrito di scorrimento minimo.

* Gli alesaggi dei cilindri sono rivestiti in nichel, che offre una maggiore adesione del rivestimento per far fronte all’elevata potenza del motore.

* Le leggere valvole in titanio (aspirazione: 31 mm; scarico: 25 mm) riducono il peso alternativo e garantiscono affidabilità agli alti regimi. Le valvole ultraleggere hanno uno stelo estremamente sottile, al pari delle valvole utilizzate nelle supersport. Le valvole di aspirazione presentano il fungo più spesso per incrementarne la resistenza e sono realizzate con un materiale di titanio estremamente rigido, al pari delle valvole di scarico.

* La candela di accensione penetra in profondità nella camera di combustione, favorendo una combustione più efficiente.

NOVITÀ * I nuovi getti dell’olio contribuiscono a migliorare le prestazioni di raffreddamento.

* Il design del braccio di manovella incrementa il momento di compensazione elevando il fattore di bilanciamento dell’albero motore. A quasi il 60%, il fattore di bilanciamento della KX250F modello 2014 eguaglia quello delle nostre moto da corsa. Il fattore di bilanciamento elevato contribuisce alla riduzione delle vibrazioni del motore, a un’erogazione della potenza più fluida e a un miglioramento delle prestazioni ai regimi medio-alti.

* Con spessore di 32 mm, una larghezza di 117,8 mm e un passo ampio tra alette e tubo, i nuovi radiatori offrono resistenza all’accumulo di fango e pari prestazioni di raffreddamento. La robustezza dei radiatori ha consentito di eliminare le staffe di sostegno e di ridurre il peso complessivo.

* Le grandi aperture nei convogliatori del radiatore aumentano il flusso d’aria, contribuendo a migliorare il raffreddamento.

* La guida della catena di trasmissione a rullo dentato contribuisce a regolarizzare l’effetto del freno motore riducendo il contraccolpo generato dal repentino rilascio dell’acceleratore e dall’improvviso recupero del gioco nel tratto inferiore della catena. Questo controllo addizionale agevola l’entrata in curva.

14KX250Z_201LIMFEGB00D_C

Percezione migliore nei cambi marcia

NOVITÀ * I rapporti di trasmissione sono dotati di quattro denti (in precedenza tre), il che si traduce in cambi marcia più fluidi.

NOVITÀ * La corsa della forcella del cambio più corta (5,3 mm >> 4,4 mm) contribuisce a migliorare la percezione nei cambi di marcia.

NOVITÀ * Il nuovo metodo di fissaggio del coperchio del pignone all’albero di trasmissione (ora mediante dado e rondella a pressione) garantisce una migliore stabilità sulla linea della catena.

14KX250Z_201LIMFEGA00D_C

TELAIO PER LE ALTE VELOCITÀ CON COMPONENTI E MESSA A PUNTO STILE REPARTO CORSE

Il telaio perimetrale in alluminio della KX250F è una struttura leggera e slanciata composta da parti forgiate, estruse e fuse. Il bilanciamento e le tarature del telaio sono stati eseguiti in funzione delle esigenze dei piloti da gara. Il baricentro e le dimensioni chiave (posizioni del perno del forcellone, corona e assale posteriore) sono stati selezionati in modo che la ruota posteriore proietti la moto in avanti, anziché tendere all’impennata. Apprezzato per la stabilità alle alte velocità, il telaio è affiancato dalla forcella SFF (Separate Function front Fork), caratterizzata da una notevole riduzione dell’attrito che assicura un maggiore confort di marcia e un’azione ammortizzante migliorata. Nel modello 2014, il nuovo assetto delle sospensioni anteriori e posteriori offre un maggior confort di guida, un miglioramento dell’azione ammortizzante e della capacità di seguire la conformazione del terreno, mentre le nuove staffe anteriori del motore migliorano le sensazioni sull’avantreno.

 

Trazione ruota posteriore senza pari

* Nel nuovo sistema di sospensione posteriore Uni-Trak il braccio della sospensione si trova sotto il forcellone, in modo da allungare la corsa della sospensione. L’allungamento della corsa consente, a sua volta, una regolazione più precisa delle sospensioni.

* Sono stati condotti approfonditi test per determinare i rapporti dei leveraggi e le tarature dell’ammortizzatore ideali per ottimizzare la trazione della ruota posteriore.

 

Interfaccia naturale per il conducente

Il telaio e la scocca minimalista della KX250F, progettati pensando all’ergonomia del conducente, offrono un’interfaccia più naturale per il conducente e un’ergonomia da gara. La posizione di guida naturale facilita il raggiungimento delle alte velocità.

* Il telaio più stretto, misurato alle travi principali, contribuisce a snellire l’aspetto complessivo con una buona ergonomia. La posizione di guida sportiva facilita il controllo.

* Il design meno inclinato del serbatoio e della sella offre al conducente tutta la libertà di movimento durante i cambi di posizione e gli consente di sedersi più in avanti con facilità.

* I convogliatori minimalisti sono stati progettati più piccoli e sono sottili nel punto in cui entrano in contatto con le gambe del conducente. Il design a due tonalità è stato ottenuto utilizzando un processo di formatura a doppia iniezione.

* I fianchetti laterali minimalisti sono stati realizzati anch’essi di dimensioni più ridotte possibile.

* La sella presenta, inoltre, una superficie antiscivolo, al fine di offrire un’ottima aderenza al conducente quando è seduto, e fianchi lisci per garantire al contempo un’eccellente mobilità. L’uretano della sella aiuta a mantenere la forma originale più a lungo.

* Le cuciture tra i convogliatori, la sella e i fianchetti laterali sono totalmente rinforzate, in modo da facilitare il controllo e permettere il movimento sulla moto.

* Il telaio si allarga in corrispondenza delle caviglie per offrire al conducente una migliore presa, mentre si restringe in prossimità del ginocchio sotto la sella per consentire una posizione di guida più aderente.

* Le ampie pedane longitudinali sono state progettate per garantire ai piloti un’ottima presa e una sensazione di maggiore stabilità.

* La cuffia del cavo della frizione ha un registro rapido di ampie dimensioni che consente ai piloti di regolare agevolmente il gioco del cavo stesso.

* La manopola dell’acceleratore ha un collare integrato. Questa unità monoblocco garantisce ulteriore stabilità in accelerazione.

NOVITÀ * Il materiale e la trama delle manopole leggere sono stati rivisti per migliorare la presa che risulta più comoda alle mani dei piloti.

14KX250Z_201LIMFSAA00D_C

Sospensioni da gara: forcella SFF Tipo 2

La KX250F è stata la prima motocross di serie ad adottare la forcella Showa SFF (Separate Function front Fork), nella quale le funzioni di smorzamento e di ammortizzazione vengono separate:

  • Stelo sinistro della forcella: gruppo ammortizzante

  • Stelo destro della forcella: molla

Tale configurazione offre sia un’azione più fluida sia un’ammortizzazione più stabile – una combinazione non facile da ottenere con una forcella tradizionale. Nel modello 2013 gli steli interni con diametro superioreφ48 mm e la nuova struttura interna della forcella SFF Tipo 2 offrono una sensazione di stabilità anteriore, un maggiore confort di marcia e un’azione ammortizzante migliorata, una maggiore resistenza all’effetto bottoming e ulteriore stabilità in frenata o in fase di atterraggio dopo un salto.

* I nuovi steli con diametro superioreφ48 mm aumentano la rigidità della forcella, contribuendo a una maggiore stabilità dell’avantreno.

* Con una sola molla, l’attrito generato tra la molla e gli steli interni della forcella viene ridotta notevolmente (del 25% circa), determinando un’azione estremamente fluida lungo tutta la corsa della forcella.

* L’utilizzo di pistoni di smorzamento più ampi non solo consente di ottenere un’azione più fluida, ma rende anche possibile un’ammortizzazione più stabile.

* Gli steli della forcella di diametro maggiorato fanno in modo che numerosi componenti dell’ammortizzatore siano più grandi.
Pistone principale φ30 mm
Pistone secondario φ35 mm
Con componenti più grandi è possibile ottenere la stessa forza di smorzamento della forcella SFF Tipo 1 daφ47 mm con una pressione interna inferiore. Con una pressione inferiore la forcella SFF Tipo 2 daφ48 mm presenta caratteristiche ottimali per offrire maggiore confort di marcia e un’ammortizzazione più stabile.

* La rimozione del gruppo ammortizzante dallo stelo destro della forcella libera spazio per il registro del precarico e semplifica notevolmente l’impostazione del precarico della forcella o dell’altezza anteriore: con una forcella tradizionale è infatti possibile regolare facilmente soltanto l’altezza posteriore; per poter regolare l’altezza anteriore è invece necessario smontare gli steli della forcella e utilizzare collari e altri attrezzi speciali. Con la forcella SFF, al contrario, è possibile impostare in maniera facile e veloce il precarico e l’altezza sia anteriori che posteriori.

* Oltre alla regolazione del precarico, la forcella da gara SFF semplifica anche altri interventi di manutenzione, come la regolazione dell’ammortizzazione e il cambio delle molle.

14KX250Z_201LIMFSAB00D_C

INTERVENTO DI

MANUTENZIONE

FORCELLA

STANDARD

FORCELLA SFF

Regolazione del

precarico

Collari necessari

Regolazione

elettronica

Rimozione e

disassemblaggio

Strumenti speciali

Regolazione

dell’ammortizzazione

Punti

4

2

Cambio del

carico della molla

Rimozione della forcella

x2

Disassemblaggio

x2

x1

Numero

di molle

2

1

* La forcella SFF offre un migliore bilanciamento laterale, che aumenta notevolmente la maneggevolezza. Concentrando il peso della molla sullo stelo destro, unitamente ad un’accurata messa a punto della robustezza degli steli destro e sinistro, risulta ora meglio bilanciato il peso della pinza del freno e del disco posti sul lato sinistro, che precedentemente creava uno sbilanciamento.

* Un restrittore aggiunto al gruppo ammortizzante e un’asta unita aggiunta al lato della molla consentono di mantenere il carattere originale. La posizione del restrittore può essere variata per modificare le caratteristiche di smorzamento e consente, inoltre, di ottenere uno smorzamento ideale. L’asta unita garantisce una forza di smorzamento destra/sinistra equilibrata e contribuisce a raggiungere una rigidità ideale della forcella.

* La forcella SFF Tipo 2 inverte l’asta unita, collocando il cilindro nella porzione superiore della forcella e il tubo dell’asta nella porzione inferiore. (Nella forcella SFF Tipo 1 la disposizione era invertita.) Grazie alla nuova disposizione Tipo 2 migliora sia il confort di marcia, sia la resistenza all’effetto bottoming.

  • Con la disposizione della forcella SFF Tipo 1, l’aumento del volume di olio alla base della forcella produceva un aumento lineare della forza di smorzamento. Quindi con l’aumento della forza di smorzamento per ottenere una maggiore resistenza all’effetto bottoming si sacrificava la qualità della guida nel tratto iniziale della corsa.

  • Con la disposizione della forcella SFF Tipo 2, invece, l’aumento del volume di olio alla base della forcella determina un aumento più progressivo della forza di smorzamento, che consente di aumentare la resistenza all’effetto bottoming senza sacrificare la qualità di guida.

* La disposizione invertita dell’asta unita e l’utilizzo di componenti più grandi, consentito dagli steli interni della forcella di diametro superiore, aumentano la rigidità (in particolare nello stelo destro), determinando un migliore bilanciamento della rigidità tra i tubi della forcella destro e sinistro. La rigidità più bilanciata determina caratteristiche di flessibilità più simili nei tubi destro e sinistro e, di conseguenza, una maggiore stabilità nelle frenate brusche e in fase di atterraggio dopo un salto.

* Un rivestimento di titanio super resistente applicato sulla superficie esterna degli steli della forcella anteriore riduce l’attrito di scorrimento, migliorandone l’azione per una guida più fluida. La maggiore durezza della superficie del rivestimento blu marina contribuisce inoltre a preservare i tubi da graffi e danni. (La KX250F è l’unico modello da motocross della sua classe a disporre di questo rivestimento da gara.)

* Il trattamento anti-attrito Kashima Coat applicato internamente sui foderi della forcella contribuisce a rendere più fluida l’azione delle sospensioni, in particolare nel tratto iniziale della corsa, e più confortevole la guida.

NOVITÀ * Le revisioni ai pistoni principali e secondari del gruppo ammortizzante dello stelo destro si traducono in un miglioramento dell’ammortizzazione dall’inizio fino a metà corsa.

 

Sospensioni posteriori con caratteristiche da gara

* La compressione del nuovo ammortizzatore posteriore è a doppia regolazione, consentendo così di tarare l’azione ammortizzante alle alte velocità e alle basse velocità separatamente.

* L’ammortizzatore posteriore presenta inoltre un rivestimento Kashima sul cilindro serbatoio. La riduzione dell’attrito rende più fluida l’azione delle sospensioni.

NOVITÀ * Le nuove tarature delle valvole consentono un miglior confort di guida, un’azione ammortizzante migliorata e un miglior assorbimento delle asperità (per l’intera corsa).

 

Altri componenti del telaio finalizzati alle competizioni

NOVITÀ * Le nuove staffe anteriori del motore (t4,5 mm acciaio >> t3,2 mm acciaio ad alta resistenza) contribuiscono ad ottimizzare la rigidità e a migliorare la presa e le sensazioni sull’avantreno.

* Tra i vari componenti stile reparto corse della KX250F spiccano i freni a disco anteriore e posteriore a margherita. Oltre a ridurre il peso delle masse non sospese, le forme ondulate dei dischi a margherita contribuiscono a tenere pulite le pastiglie dei freni per un’azione frenante più efficace.

* A completamento dei dischi di grande diametro, il nuovo cilindro principale del freno anteriore di tipo ad asta e le pastiglie dei freni anteriori con un coefficiente di attrito superiore determinano un ottimo potere frenante e un maggior controllo (soprattutto all’inizio dell’azione frenante e fino a metà corsa).

* Il parapinza posteriore protegge la pinza da eventuali danneggiamenti.

* Gli pneumatici Dunlop contribuiscono ad aumentare la stabilità nei rettilinei.

* Il manubrio in alluminio Renthal (tipo standard) stile reparto corse è montato di serie.

* Il mozzo posteriore senza nervature e i raggi conici riducono il peso delle masse non sospese.

 

Linea stile reparto corse

La scocca minimalista, il nuovo design del parafango e del portanumero anteriore confermano la KX250 come la moto più accattivante del paddock. Anche le grafiche stile reparto corse rispecchiano le eccellenti prestazioni della KX250F.

NOVITÀ * Nel modello 2014, i portanumero anteriore e laterale e il parafango posteriore bianchi conferiscono alla KX250F un aspetto simile alla KX450F, contribuendo a creare un look distintivo della serie KX.

* I cerchi sono rifiniti in Black Alumite1 (nero), proprio come le nostre moto da corsa.

* La forcella e i registri dell’ammortizzatore posteriore hanno finiture Blue Alumite1 (blu) come le nostre moto da corsa negli Stati Uniti.

* Le finiture blu sul tappo dell’olio e sui due tappi sul coperchio dell’alternatore contribuiscono al look da competizione.

* Design in rilievo sul coperchio della frizione, pensato per apparire in modo graduale in seguito al contatto ripetuto con gli stivali da guida che eliminano la vernice nera.

* I coperchi motore argentati mettono ancora più in evidenza il look da competizione della KX250F.

* Grafiche stile reparto corse fungono da complemento alle eccellenti prestazioni della KX250F.


ULTERIORI CARATTERISTICHE

Motore

* La struttura del silenziatore (che varia leggermente a seconda dei mercati) garantisce il rispetto dei regolamenti sull’inquinamento acustico.

 

Telaio

* Il forcellone in lega ha una sezione anteriore fusa, bracci idroformati rastremati e tendicatena forgiati.

* Un paramotore sintetico di generose dimensioni fornisce un’ottima protezione con un peso ridotto.

 

Altro

* Gli accessori opzionali del motore comprendono rotori magnetici con inerzie differenti (8,5, 9,5 kgcm2; standard: 9,0 kgcm2) e una corona 12T
(a 12 denti) (standard: 13T).

* Gli accessori opzionali del telaio comprendono portamanubri per barra da  28,6 mm (standard:  22,2 mm), corone posteriori in alluminio e acciaio (48-52T; standard: 50T), dischi freno a margherita pieni per fondi bagnati, molle differenti per forcella anteriore (9,0, 9,2, 9,4, 9,6, 9,8, 10,0 N/mm; standard: 9,6 N/mm) e ammortizzatore posteriore (49, 51, 53, 55 N/mm; standard: 53 N/mm).

* Una spia dell’iniezione (disponibile come optional) rileva eventuali problemi al sistema d’iniezione.

COLORE/COLORI

* Lime Green (verde) con nuove grafiche stile reparto corse

1 Alumite: un trattamento di finitura per ossidazione anodica dell’alluminio che produce un rivestimento colorato, resistente alla corrosione e ai graffi.

SPECIFICHE

 

MOTORE

KX250F

Tipo

Cilindrata

Alesaggio e Corsa

Rapporto di compressione

Distribuzione

Sistema di alimentazione

Accensione

Avviamento

Lubrificazione

4 tempi, monocilindrico, raffreddato a liquido

249 cm3

77,0 x 53,6 mm

13,8:1

DOHC, 4 valvole

Iniezione carburante: φ43 mm x 1 (Keihin) con doppia iniezione

Digitale DC-CDI

A pedale

Lubrificazione forzata, scarico con coppa a semi-secco

TRASMISSIONE

Cambio

Trasmissione finale

Rapporto di trasmissione

Rapporti di trasmissione:

1a

2a

3a

4a

5a

Rapporto di trasmissione finale

Frizione

5 marce

Catena

3,350 (67/20)

2,142 (30/14)

1,750 (28/16)

1,444 (26/18)

1,235 (21/17)

1,045 (23/22)

3,846 (50/13)

Dischi multipli in bagno d’olio, manuale

TELAIO

Tipo

Escursione ruota:

anteriore

posteriore

Pneumatici: anteriore

posteriore

Angolo di inclinazione del cannotto di sterzo

Avancorsa

Angolazione dello sterzo (sinistra/destra)

Perimetrale, in alluminio

315 mm

310 mm

80/100-21 51M

100/90-19 57M

28,7o

126,4 mm

42o / 42o

 

SOSPENSIONI

KX250F

Anteriore: Tipo

Smorzamento in compressione

Smorzamento in estensione

Precarico molla

Posteriore: Tipo

Smorzamento in compressione

Smorzamento in estensione

Precarico molla

Forcella SFF (Separate Function Front Fork) Tipo 2
telescopica rovesciata da 48 mm

22 posizioni

20 posizioni

40 posizioni

Nuova Uni-Trak

19 posizioni (bassa velocità), 4 giri (alta velocità)

22 posizioni

Regolabile in continuo

FRENI

Anteriore: Tipo

Pinza

Posteriore: Tipo

Pinza

Disco singolo da 252 mm semiflottante a margherita

Doppio pistone

Disco singolo a margherita da 240 mm

Pistone singolo

DIMENSIONI

Lunghezza

Larghezza

Altezza

Interasse

Altezza da terra

Altezza della sella

Peso in ordine di marcia

Capacità del serbatoio

2.170 mm

820 mm

1.270 mm

1.475 mm

330 mm

945 mm

106,2 kg (EUR/AUS/JPN/BRA/THA)

106,0 kg (USA/CAN)

6,1 litri

Le specifiche tecniche qui riportate si riferiscono e sono state desunte dai modelli di produzione in condizioni di funzionamento standard. Sebbene sia nostra intenzione fornire una descrizione obiettiva del veicolo e delle sue prestazioni, le specifiche potrebbero non essere applicabili ad ogni singolo esemplare messo in vendita. Kawasaki Heavy Industries, Ltd. si riserva il diritto di modificare le specifiche senza preavviso. Gli equipaggiamenti e le specifiche possono variare in funzione del mercato.

——————————————————————————————————————————–

14KX450F_201LIMDRF00D_C

KAWASAKI KX450F my 2014!!!

NOME MODELLO: KX450F

CODICE COMMERCIALE: KX450F

PRESTAZIONI DA CAMPIONE

La filosofia dietro al design della serie KX è semplice: far salire sul gradino più alto del podio i piloti di esperienza. È la stessa filosofia da quando è stato creato il marchio KX 40 anni fa. I 31 titoli AMA SX nel suo palmarès, più di qualunque altro costruttore, testimoniano il contributo di KX al successo dei suoi campioni. Le prestazioni di motore e telaio del modello KX450 forniscono ai piloti ciò che serve per vincere. E, oltre alle prestazioni eccezionali, la KX450F è tecnologicamente avanzata e presenta numerose caratteristiche, per dare ai suoi piloti ancora più vantaggio.

 

Risultati convincenti

Al vertice nelle gare

2011 AMA SX 2011 AMA MX

Campione Campione

2012 AMA SX 2013 AMA SX

Campione Campione

.

Prestazioni all’avanguardia nel settore

Prestazioni del motore dominanti a qualsiasi regime

Prestazioni da gara: pistone con fondo bridged-box

Vantaggio holeshot: modalità Launch Control

Il sistema con le stesse specifiche delle moto da corsa AMA aiuta i conducenti nelle partenze su terreni ad aderenza ridotta.

Facile messa a punto del motore: selezione taratura DFI

Gli attacchi rapidi DFI plug-and-play forniscono 3 mappature del motore tra cui scegliere: Standard, Soft (terreno morbido) e Hard (terreno duro).

Il kit settaggio iniezione per le mappature consente di riprogrammare le tarature.

Messa a punto di precisione del motore: kit settaggio iniezione con le stesse specifiche del reparto corse (optional)

Telaio perimetrale snello in alluminio leggero

Sospensioni di nuova generazione: forcella PSF (Pneumatic Spring Fork)

Una forcella dal design avanzato utilizza la pressione dell’aria invece delle molle.

Vantaggi della forcella PSF:

  • Regolazioni facili

  • Fascia di impostazioni più ampia

  • Regolazione continua delle impostazioni:
    i piloti non sono limitati dalle regolazioni standard e opzionali della “molla”

  • Maggiore resistenza all’effetto bottoming e migliore tenuta di strada

 

Ergonomia regolabile

  • 4 posizioni di regolazione del manubrio

  • 2 posizioni di regolazione delle pedane

 


IN SINTESI

Motore monocilindrico a 4 tempi da 449 cm3 raffreddato a liquido con sistema d’iniezione del carburante senza batteria – pXX
Il motore a iniezione eroga una potenza incisiva a tutti i regimi e garantisce un flusso di carburante costante in tutte le condizioni.

 

Messa a punto stile reparto corse – pXX

Il pistone con fondo bridged-box (particolarità unica di Kawasaki introdotta con il modello KX450F 10MY per la prima volta in una moto da cross di serie) è soltanto una delle numerose caratteristiche che arrivano direttamente dalle nostre moto da corsa.

 

Comando progressivo – pXX
Il leggero corpo farfallato da 43 mm utilizza due leveraggi interconnessi con un comando progressivo, fornendo così un’eccellente risposta in termini di reattività e potenza.

 

ECU per il motocross con tarature regolabili – pXX
Una centralina ECU dal peso contenuto è stata progettata appositamente per far fronte alle rigorose prestazioni nel motocross. L’ECU contiene tre mappature del motore (più una quarta per la modalità Launch Control). Il kit settaggio iniezione per le tre mappature, disponibile come optional, consente di riprogrammare i settaggi di serie.

 

Modalità Launch Control – pXX
Il sistema Launch Control in stile reparto corse aumenta la probabilità di effettuare una buona partenza aiutando i piloti a ottimizzare la trazione all’avvio su superfici ad aderenza ridotta.

 

Selezione taratura DFI – pXX
Utilizzando gli attacchi rapidi DFI forniti, i piloti possono accedere in modo semplice e rapido alla selezione di tre mappature (Standard, Hard e Soft) fornite nella nuova ECU.

 

Manubrio regolabile – pXX
Una scelta di quattro posizioni consente ai piloti di personalizzare la propria posizione di guida su misura. Il manubrio Renthal in stile reparto corse fa parte della dotazione di serie.

 

Posizione pedane regolabili – pXX
I piloti possono scegliere due diverse posizioni in base alla corporatura e alle preferenze individuali.

 

Telaio perimetrale “snello” in alluminio – pXX

Il telaio perimetrale in alluminio è una struttura leggera composta da parti forgiate, estruse e colate. Il design “snello” contribuisce a migliorare l’ergonomia da gara.

 

Forcella PSF (Pneumatic Spring Fork) – pXX
Questa forcella di nuova generazione è stata introdotta per la prima volta in una moto da cross di serie con il modello KX450F 2013. L’ammortizzazione viene affidata all’aria in pressione invece che alle molle. Il peso ridotto, la regolazione più facile e la fascia di impostazioni più ampia sono solo alcuni dei vantaggi.

 

Sospensioni anteriori racing – pXX
Il rivestimento DLC (Diamond-Like Carbon) riduce l’attrito di scorrimento e migliora l’azione della forcella, specialmente in curva. La lavorazione di elevata precisione e il trattamento Kashima Coat riducono ulteriormente l’attrito.

 

Nuova sospensione posteriore Uni-Trak- pXX
Gli attacchi del leveraggio sotto al forcellone consentono una regolazione più precisa della sospensione. La compressione a doppia regolazione offre un’ampia gamma di opzioni di messa a punto. Il rivestimento Kashima Coat sul cilindro del serbatoio migliora l’azione.

 

NOVITÀ Interfaccia da gara più naturale per il conducente – pXX
Il telaio “snello”, la scocca minimalista e la linea serbatoio-sella meno inclinata sono state introdotte per facilitare il raggiungimento delle alte velocità. Il nuovo design delle manopole garantisce una presa migliore.

 

Freni a disco a petali – pXX
I freni a disco anteriore e posteriore a petali, insieme alla nuova pompa del freno anteriore di tipo ad asta, offrono un’ottima azione frenante e un controllo eccellente.

 

Design stile reparto corse – pXX
A complemento del design e della grafica stile reparto corse, i cerchi Black Alumite1 (neri), i paraforcelle neri, le finiture Blue Alumite1 (blu) per i registri delle sospensioni e le finiture blu su alcune parti della modanatura del motore conferiscono alla KX450F un look all’altezza delle eccellenti prestazioni.

14KX450F_201LIMDLS00D_C

CARATTERISTICHE CHIAVE

 

LA POTENZA INCISIVA DEL MOTORE A INIEZIONE

 

Il motore a iniezione monocilindrico a 4 tempi da 449 cm3 raffreddato a liquido eroga una potenza incisiva dai bassi agli alti regimi. L’eccellente elasticità e risposta in accelerazione consentono di disporre di coppia a qualunque regime, permettendo al conducente di guadagnare rapidamente accelerazione anche dai registri più bassi. Oltre agli ovvi vantaggi, l’iniezione del carburante aumenta la risposta in accelerazione della KX450F, specialmente in fase di atterraggio dopo un salto. La messa a punto e le parti stile reparto corse come il pistone ad alte prestazioni con fondo bridged-box (introdotto per la prima volta con il modello KX450F 2010 nella produzione di serie) assicurano le migliori prestazioni possibili fin da subito.

 

Messa a punto stile reparto corse anche per il motore

* Il pistone ad alte prestazioni richiama il design delle nostre moto da corsa e garantisce migliori prestazioni a qualsiasi regime del motore. Un mantello ridotto, nervature esterne rinforzate e l’uso di un pistone con fondo bridged-box, dotato di rinforzo interno, si traducono in un pistone più leggero e resistente.

* Le nuove tarature ECU (mappature di alimentazione e accensione) garantiscono la combinazione di aria-carburante ideale e offrono una maggiore regolarità nell’erogazione di potenza nel passaggio dai regimi bassi a quelli alti. Oltre a migliorare l’erogazione della potenza a tutti i regimi, queste tarature contribuiscono a rendere le caratteristiche del freno motore più idonee alle condizioni di gara.

* Il braccio di manovella a forma di cuneo incrementa il momento di compensazione elevando il fattore di bilanciamento dell’albero motore. Vicino al 60%, il fattore di bilanciamento della KX450F modello 2014 eguaglia quello della moto da corsa di Ryan Villopoto. Il fattore di bilanciamento elevato contribuisce alla riduzione delle vibrazioni del motore, a una maggiore regolarità nell’erogazione di potenza e a un miglioramento delle prestazioni, in particolare ai bassi regimi, dove la risposta è notevolmente più energica.

* Oltre ad erogare più elettricità per garantire un agevole avviamento, il volano generatore di largo diametro contribuisce a migliorare l’operatività ai medi regimi.

14KX450F_201LIM launch

Vantaggio nel holeshot: modalità Launch Control

Le moto da cross KX hanno attinto a lungo alla tecnologia per offrire ai piloti le migliori prestazioni possibili fin da subito. La modalità Launch Control Mode è soltanto una tra le caratteristiche delle moto da gara a determinare un vantaggio per i piloti allineati ai cancelli di partenza.

* Il modello KX450F è dotato di un sistema Launch Control simile a quello delle nostre moto da gara. Semplicemente premendo un pulsante i piloti possono attivare una mappatura del motore separata per garantire partenze efficienti in gara anche in condizioni di aderenza ridotta. (La mappatura della modalità Launch Control ritarda la fasatura dell’accensione, consentendo alle ruote di ottenere aderenza in situazioni di bassa trazione e permettendo ai piloti di concentrarsi sulle linee.)

* La modalità Launch Control ha maggiore effetto durante i primi secondi di rilascio della frizione alla partenza. Per i piloti si tratta di un momento cruciale in cui posizionarsi in testa ai propri rivali, in modo da guadagnare una posizione migliore all’ingresso della prima curva.

* Anche per i piloti di più alto livello, controllare l’enorme potenza di una moto da cross classe 450cc alla partenza richiede un alto grado di controllo dell’acceleratore e delicatezza con la frizione. Diminuendo lievemente tale potenza, la modalità Launch Control aiuta i piloti a ottimizzare la trazione e aumentare la probabilità di effettuare una buona partenza.

* Per attivare la modalità Launch Control i piloti devono tenere premuto il pulsante Launch Control (per due o più secondi), posizionato sul lato sinistro del manubrio. (Una volta attivato, la spia luminosa vicina al pulsante lampeggerà velocemente per avvisare il conducente che è in funzione.)

* La modalità Launch Control funziona in prima e seconda marcia (e in folle). Quando il conducente passa alla terza, il sistema si disattiva automaticamente, tornando alla mappatura normale del motore.

* Sistema progettato con le stesse specifiche delle nostre moto da corsa AMA.

 

Facile messa a punto del motore: selezione taratura DFI (3 mappature a scelta)

La messa a punto del motore in funzione delle condizioni non è mai stata così semplice come con gli attacchi rapidi DFI della serie KX. Il sistema stile plug-and-play è rapido, semplice e privo di problemi.

* Invece di una sola mappatura del motore, l’ECU ne presenta tre (quattro, se si conta la mappatura della modalità Launch Control).

* Le tarature iniziali per le tre mappature sono: Standard, Hard (condizioni rigide) e Soft (condizioni morbide). Utilizzando gli attacchi rapidi in dotazione, i conducenti possono passare velocemente da una mappatura all’altra, fra le tre esistenti, per soddisfare ogni condizione di guida. Inserendo ciascuno degli attacchi rapidi a quattro perni viene attivata la mappatura del motore corrispondente. (Per una maggiore praticità, la presa è situata a destra del cannotto di sterzo in modo da essere facilmente accessibile senza dover rimuovere alcun elemento.)

* Il kit settaggio iniezione per le tre mappature, disponibile come optional, consente di riprogrammare le tarature (vedere sotto).

14KX450F_201LIMFHA00D_C

Messa a punto di precisione del motore: kit settaggio iniezione (opzionale)

Il kit settaggio iniezione è lo stesso kit utilizzato dai team di Kawasaki in Europa e negli Stati Uniti. Il kit consente ai conducenti esperti di regolare le caratteristiche del motore, tramite riscrittura della mappatura dei dati effettivi, in base alle esigenze individuali, di registrare, quindi, i dati di guida e successivamente di analizzarli per procedere a ulteriori messe a punto.

* Il kit settaggio iniezione contiene KX Software Racing, il controller dell’ECU, l’attrezzatura per il montaggio e gli ammortizzatori e un cavo USB. Oltre al kit, sono necessari solamente alcune parti specifiche per il modello (disponibili separatamente), un PC e una batteria da 12 V.

* Il kit, facile da utilizzare, è stato ideato per soddisfare sia i piloti da gara sia i conducenti esperti:

  • per facilitare l’accesso, il controller dell’ECU si trova dietro al portanumero

  • per accedere all’ECU, è sufficiente collegare un PC al controller tramite cavo USB (non vi sono ulteriori interruttori da azionare)

  • la regolazione delle impostazioni può essere effettuata anticipatamente con il PC o direttamente quando si è collegati all’ECU

  • l’interfaccia utente del kit è intuitiva e di facile utilizzo

* Il kit settaggio iniezione dispone di sette impostazioni preprogrammate che possono essere utilizzate in maniera facile e veloce per la regolazione dell’ECU in base alle condizioni del tracciato. Le impostazioni disponibili sono mostrate di seguito.

IMPOSTAZIONE

DESCRIZIONE

Carburante più ricco

carburante più ricco del 5% rispetto al normale

Carburante più magro

carburante più magro del 5% rispetto al normale

Accensione avanzata

accensione avanzata di 3o rispetto al normale

Accensione ritardata

accensione ritardata di 3o rispetto al normale

Fondo stradale duro

accensione ritardata, carburante più ricco

Fondo stradale morbido

accensione avanzata, carburante più magro

Principiante

potenza del motore ridotta: accensione ritardata, carburante più ricco

* Per un’ottimizzazione avanzata delle impostazioni, è possibile regolare le mappature dell’ECU per il volume di carburante iniettato (tramite la finestra di regolazione dell’iniezione) e per la fasatura dell’accensione (tramite la finestra di regolazione dell’accensione) in base alla posizione delle farfalle e al regime di rotazione.

* È possibile effettuare sia il trascinamento della selezione (nella finestra del grafico), sia la modifica numerica (nella pagina della mappa).

* Quando è collegato all’ECU, il kit settaggio iniezione può essere utilizzato per visualizzare lo stato di un motore acceso. Le informazioni possono essere visualizzate in formato numerico dall’apposito monitor oppure graficamente tramite un meter dotato di numerose opzioni di visualizzazione.

Finestra del monitor di dati Finestra del meter di dati

* Il kit settaggio iniezione può essere utilizzato anche come registro dati per acquisire fino a sei ore di dati in funzione del numero d parametri impostati (regime motore, angolo di apertura della valvola e così via). Al termine del percorso, è possibile visualizzare i dati di guida nella finestra [Analizza]. È possibile selezionare indipendentemente i parametri da registrare e visualizzare.

* I dati registrati possono essere messi in relazione al percorso per verificare le reali condizioni di guida, consentendo di stabilire impostazioni d’iniezione più efficienti. È anche possibile effettuare confronti prima e dopo la guida, nonché confronti tra conducenti diversi.

* Il kit è compatibile con i sistemi operativi a 64 bit (come Windows 7) oltre che con i sistemi a 32 bit (Windows 7, XP, Vista).

Per informazioni più dettagliate sull’utilizzo e sulle funzioni del kit settaggio iniezione, fare riferimento al Manuale di istruzioni per il kit settaggio iniezione KX.

 

Sistema d’iniezione del carburante senza batteria

Appositamente progettato per il motocross, il sistema d’iniezione carburante incorpora una centralina ECU leggera e di dimensioni ridotte e non necessita di batteria, in vista di un’ulteriore riduzione del peso. Con l’iniezione di carburante viene altresì eliminata la necessità di messa a punto del motore in funzione delle condizioni climatiche e del tracciato.

* La garanzia di un avviamento rapido senza l’uso della batteria ha costituito un obiettivo primario nella progettazione del nuovo sistema d’iniezione della KX450F. Utilizzando solamente l’elettricità generata dall’avviamento a pedale, il motore può essere avviato con soli tre giri dell’albero motore. Il sistema fornisce elettricità nel seguente ordine: 1) ECU, 2) pompa carburante, 3) iniettore. A motore caldo, l’avviamento può avvenire con un solo azionamento del pedale.

* La centralina ECU compatta e leggera, ubicata di fronte al cannotto di sterzo (dietro al portanumero), è stata progettata specificatamente per il motocross. Per far fronte alle sollecitazioni e alle vibrazioni tipiche di questo utilizzo, il relè della pompa carburante è incorporato nella ECU.

* Il corpo farfallato da 43 mm utilizza un comando progressivo per fornire un flusso d’aria analogo ad un carburatore FCR. Utilizzando due leveraggi interconnessi, il corpo farfallato si apre con maggiore rapidità dopo aver raggiunto la posizione di apertura 3/8, fornendo così un’eccellente risposta in termini di reattività e potenza.

* Un iniettore a nebulizzazione ultrafine con 12 fori spruzza particelle delle dimensioni di 60 μm, consentendo un’omogenea erogazione di potenza e una migliore operatività del motore ai medi regimi.

* L’iniettore è stato orientato a 45o, un angolo ottimale per migliorare la potenza ai medi regimi.

* La pompa benzina con fondo piatto, in alluminio leggero, è ubicata nel serbatoio del carburante di plastica.

* Per garantire un flusso di carburante costante anche nelle condizioni operative più estreme dettate dallo stile del motocross, la pompa carburante è stata dotata di un coperchio per filtro in plastica integrato che avvolge il condotto di aspirazione e funge da pozzetto del carburante. (L’integrazione del coperchio del filtro, la modifica del materiale da gomma a plastica e l’eliminazione del tubo di ritorno carburante dal regolatore di pressione contribuiscono a ridurre ulteriormente il peso.)

* La spia luminosa della modalità Launch Control si accenderà qualora rilevi eventuali problemi al sistema d’iniezione.

 

Altre caratteristiche del motore finalizzate a migliorare le prestazioni

* Il motore è stato messo a punto in modo che la curva della coppia segua il limite di resistenza dinamica il più a lungo possibile. (In mancanza di controllo la coppia del motore potrebbe superare tale limite e provocare lo slittamento della ruota, interferendo sul moto in avanti).

* Notevoli gli sforzi profusi per ampliare il più possibile il range della coppia, in modo da ottimizzare la trazione in una gamma di regimi di rotazione del motore più ampia possibile.

* Il motore è quasi verticale (l’angolo d’inclinazione in avanti è di 3o) per mantenere il baricentro della moto in posizione tale da ottimizzare la trazione.

* Le camme ad alta accelerazione asimmetriche forniscono un elevato rendimento in aspirazione.

* Durante il processo di fusione della testata, all’interno dei condotti di aspirazione è stato applicato uno speciale rivestimento che li rende più lisci, al fine di incrementare il rendimento dell’aspirazione lungo l’intero arco di regimi.

* Le leggere valvole in titanio (aspirazione: 36 mm; scarico 31 mm) riducono il peso alternativo e garantiscono affidabilità agli alti regimi.

* Gli scodellini delle molle delle valvole in alluminio riducono il peso alternativo garantendo un controllo affidabile delle valvole anche agli alti regimi.

* Le doppie molle contribuiscono inoltre a garantire stabilità di funzionamento delle valvole e consentono di abbassare l’altezza della testata.

* Con spessore di 32 mm, una larghezza di 127,8 mm e un passo ampio tra alette e tubo, i nuovi radiatori riducono l’accumulo di fango e pari prestazioni di raffreddamento. La robustezza dei radiatori ha consentito di eliminare le staffe di sostegno e di ridurre il peso complessivo.

* Le grandi aperture nei convogliatori del radiatore aumentano il flusso d’aria, contribuendo a migliorare il raffreddamento.

* Il registro a vite del tendicatena dell’albero a camme è dotato di una molla di pressione. Poiché il sistema riduce automaticamente al minimo le vibrazioni prodotte dalla catena lasca, si ha una notevole riduzione del rischio di problemi durante una gara (un sistema di regolazione non automatico registrato in modo non corretto può pregiudicare la fasatura della distribuzione, esercitando un’eccessiva pressione sulla catena di distribuzione).

* La combinazione tra fluidità del cambio a 5 marce ravvicinate e prestazioni del motore della KX450F ai bassi regimi offre al pilota la possibilità di passare ad una marcia superiore mentre attraversa un fondo difficile. Ciò riduce l’effetto di colpi di acceleratore improvvisi e involontari, pertanto il pilota può concentrarsi sulla gara piuttosto che su un attento controllo dell’acceleratore.

* In caso di stallo del motore in gara, una delle massime priorità per il pilota è quella di riuscire a riavviarlo il più rapidamente possibile; a tal scopo, la KX450F è equipaggiata con un sistema di decompressione automatico (ACR). Il sistema di decompressione centrifugo bimassa montato sull’albero a camme di scarico agevola l’avviamento al pari di un convenzionale sistema a leva.

* La guida della catena di trasmissione a rullo dentato contribuisce a regolarizzare l’effetto del freno motore riducendo il contraccolpo generato dal repentino rilascio dell’acceleratore e dall’improvviso recupero del gioco nel tratto inferiore della catena. Questo controllo addizionale agevola l’entrata in curva.

14KX450F_201LIMDRS00D_C

COMPONENTI E MESSA A PUNTO DEL TELAIO STILE REPARTO CORSE

 

Lo snello telaio perimetrale in alluminio della KX450F è una struttura leggera composta da parti forgiate, estruse e fuse. Il bilanciamento e le tarature del telaio sono stati eseguiti in funzione delle esigenze dei piloti in gara. Il baricentro e le dimensioni chiave (posizioni del perno del forcellone, corona e assale posteriore) sono stati selezionati in modo che la ruota posteriore proietti la moto in avanti, anziché tendere all’impennata. Le sospensioni da gara con forcella PSF (Pneumatic Spring Fork) completano la stabilità alle alte velocità, la maneggevolezza e l’ergonomia da gara, caratteristiche ampiamente apprezzate nella KX450F.

14KX450F_201LIMFSA00D_C

Sospensioni di nuova generazione: forcella PSF (Pneumatic Spring Fork)

La KX450F utilizza la forcella PSF (Pneumatic Spring Fork) KYB, che sostituisce le molle primarie in ciascuno stelo con aria in pressione. Rispetto a una forcella standard, la forcella PSF offre i vantaggi seguenti:

  • leggerezza

  • facile regolazione

  • fascia di impostazioni più ampia

  • attrito ridotto

  • maggiore resistenza all’effetto bottoming

  • migliore tenuta di strada

* Eliminando le molle dalle forcelle si ottiene una riduzione significativa del peso: circa 750 g meno di una forcella standard.

* In assenza di molle primarie, risulta molto più semplice cambiare il carattere della forcella PSF piuttosto che il carico della molla di una forcella standard. La facile regolazione della pressione dell’aria nella forcella consente di regolare il “carico della molla” nella forcella PSF, senza dovere disassemblare la forcella. Le regolazioni in base alle esigenze del conducente e alle condizioni possono essere effettuate ovunque, senza la necessità di parti aggiuntive e con una quantità minima di strumenti.

* Grazie allo speciale adattatore, fornito con la moto, è possibile cambiare la pressione dell’aria con una comune pompa per biciclette (si consiglia l’utilizzo di una pompa con manometro incorporato e tubo flessibile).

* Semplicemente cambiando la pressione dell’aria della forcella PSF, viene coperta la gamma di impostazioni offerta dalle molle opzionali in una forcella standard.

* L’attrito generato tra la molla e gli steli interni di una forcella standard è evidente, soprattutto nella seconda metà della corsa della forcella. Eliminando le molle primarie, l’attrito viene ridotto del 20% circa. Sostituendo le molle a pressione con pistoni liberi, si riduce ulteriormente l’attrito. Le molle bilanciate utilizzate nelle cartucce della forcella PSF sono dotate di parasteli per ridurre al minimo l’attrito.

* Le tenute a basso coefficiente di attrito della forcella contribuiscono a rendere più fluida l’azione iniziale della forcella.

* Grazie all’eliminazione delle molle della forcella, è stato possibile rivedere completamente la struttura interna. È stato possibile aumentare le dimensioni dei cilindri interni agli steli della forcella (φ24 mm >>φ32 mm), concedendo così ai pistoni di utilizzare un’area di superficie quasi doppia per generare la forza di smorzamento. Ne deriva una maggiore resistenza all’effetto bottoming e una forza di smorzamento più costante (soprattutto nei passaggi tra estensione e compressione).

* Durante la corsa in compressione, l’aria forzata esercita una forza contraria notevole, contribuendo alla resistenza all’effetto bottoming. Durante la corsa in estensione, invece, l’aria forzata offre poca resistenza, contribuendo ad aumentare la tenuta di strada e la stabilità dell’avantreno.

* Le impostazioni dello smorzamento della compressione e dell’estensione sono regolabili come su una forcella standard.

* Il nuovo rivestimento DLC (carbonio diamantato) super resistente, applicato alla superficie esterna degli steli interni della forcella, riduce l’attrito di scorrimento nonché l’attrito statico e consente un’azione migliore, contribuendo a una corsa più fluida. Il rivestimento è efficace anche quando la forcella è sottoposta a forze laterali che di norma ne ostacolano lo scorrimento, specialmente in curva. La durezza maggiore della superficie, inoltre, riduce al minimo i graffi e i danni agli steli.

* Il trattamento anti-attrito Kashima Coat applicato internamente sui foderi della forcella contribuisce a rendere più fluida l’azione delle sospensioni, in particolare nel tratto iniziale della corsa, e più confortevole la guida.

 

Sospensioni posteriori da gara

* La compressione del nuovo ammortizzatore posteriore è a doppia regolazione, consentendo così di tarare l’azione ammortizzante alle alte velocità e alle basse velocità separatamente.

* L’ammortizzatore posteriore presenta inoltre un rivestimento Kashima sul cilindro serbatoio. La riduzione dell’attrito rende più fluida l’azione delle sospensioni.

* Nel nuovo sistema di sospensione posteriore Uni-Trak il braccio della sospensione si trova sotto il forcellone, in modo da allungare la corsa della sospensione. L’allungamento della corsa consente, a sua volta, una regolazione più precisa delle sospensioni.

* Sono stati condotti approfonditi test per determinare i rapporti dei leveraggi e le tarature dell’ammortizzatore ideali per ottimizzare la trazione della ruota posteriore.

 

Interfaccia regolabile più naturale per il conducente

Il telaio e la scocca minimalista della KX450F, progettati pensando all’ergonomia del conducente, offrono un’interfaccia più naturale per il conducente e un’ergonomia da gara. Insieme alle posizioni regolabili di manubrio e poggiapiedi, la posizione di guida naturale rende ancora più facile per la moto raggiungere alte velocità.

* La piastra del gruppo triplo superiore con due serie di fessure montate sul manubrio e supporti del manubrio reversibili offre ai conducenti una scelta di quattro posizioni del manubrio: 25 mm avanti, 15 mm avanti, standard e 10 mm indietro.

* Le staffe regolabili del poggiapiedi consentono ai conducenti di abbassare la posizione del proprio poggiapiedi di 5 mm. Nella posizione più bassa, il baricentro è ribassato così come il punto di vista del pilota, caratteristica che aumenta la stabilità sia fisica, sia psicologica.

* Utilizzando le braccia del tirante opzionali della sospensione posteriore (1 mm più lunghe del normale), i conducenti possono abbassare la sella di 4 mm (misurati al centro della sella). Sebbene 4 mm potrebbero non sembrare molti, su una moto da gara è estremamente utile potere mettere a punto la posizione di guida senza compromettere in alcun modo le prestazioni.

* Il telaio più stretto, misurato alle travi principali, contribuisce a snellire l’aspetto complessivo con una buona ergonomia. La posizione di guida sportiva facilita il controllo.

* Il design meno inclinato del serbatoio e della sella offre al pilota tutta la libertà di movimento durante i cambi di posizione e gli consente di sedersi più in avanti con facilità.

* I convogliatori minimalisti sono stati progettati più piccoli e sono sottili nel punto in cui entrano in contatto con le gambe del pilota. Il design a due tonalità è stato ottenuto utilizzando un processo di formatura a doppia iniezione.

* I fianchetti laterali minimalisti sono stati realizzati anch’essi di dimensioni più ridotte possibile.

* La sella presenta, inoltre, una superficie antiscivolo, al fine di offrire un’ottima aderenza al conducente quando è seduto, e fianchi lisci per garantire al contempo un’eccellente mobilità. L’uretano della sella aiuta a mantenere la forma originale più a lungo.

* Le cuciture tra i convogliatori, la sella e i fianchetti laterali sono totalmente rinforzate, in modo da facilitare il controllo e permettere il movimento sulla moto.

* Il telaio si allarga in corrispondenza delle caviglie per offrire al conducente una migliore presa, mentre si restringe in prossimità del ginocchio sotto la sella per consentire una posizione di guida più aderente.

* Il tubo di scarico ottimizzato contribuisce a migliorare l’ergonomia da gara.

* Le ampie pedane longitudinali sono state progettate per garantire ai piloti un’ottima presa e una sensazione di maggiore stabilità.

* La cuffia del cavo della frizione ha un registro rapido di ampie dimensioni che consente ai piloti di regolare agevolmente il gioco del cavo stesso.

* La manopola dell’acceleratore ha un collare integrato. Questa unità monoblocco garantisce ulteriore stabilità in accelerazione.

NOVITÀ* Il materiale e la trama delle manopole leggere sono stati rivisti per migliorare la presa che risulta più comoda alle mani dei conducenti.

 

Altri componenti del telaio finalizzati alle competizioni

* La KX450F è dotata di freni a disco anteriore e posteriore a petali. Oltre a ridurre il peso delle masse non sospese, le forme ondulate dei dischi a petali contribuiscono a tenere pulite le pastiglie dei freni per un’azione frenante più efficace.

* A completamento dei dischi di grande diametro, la nuova pompa del freno anteriore di tipo ad asta e le pastiglie dei freni anteriori con un coefficiente di attrito superiore determinano un ottimo potere frenante e un maggior controllo (soprattutto all’inizio dell’azione frenante e fino a metà corsa).

* Il parapinza posteriore protegge la pinza da eventuali danneggiamenti.

* Il manubrio in alluminio Renthal (tipo standard) stile reparto corse è montato di serie.

* Il mozzo posteriore senza nervature e i raggi conici riducono il peso delle masse non sospese.

 

Linea stile reparto corse

La scocca minimalista, il nuovo design del parafango e del portanumero confermano la KX450 come la moto più accattivante del paddock. Anche le grafiche stile reparto corse rispecchiano le eccellenti prestazioni della KX450F.

* I cerchi sono rifiniti in Black Alumite1 (nero), proprio come le nostre moto da corsa.

* La forcella e i registri dell’ammortizzatore posteriore hanno finiture Blue Alumite1 (blu) come le nostre moto da corsa negli Stati Uniti.

* Le finiture blu sul tappo dell’olio e sui due tappi sul coperchio dell’alternatore contribuiscono al look da competizione.

* Design in rilievo sul coperchio della frizione, pensato per apparire in modo graduale in seguito al contatto ripetuto con gli stivali da guida che eliminano la vernice nera.

* I coperchi motore argentati mettono ancora più in evidenza il look da competizione della KX450F.

14KX450F_201LIMFEG00D_C

ULTERIORI CARATTERISTICHE

Motore

* La rotellina del minimo sul corpo farfallato consente ai piloti di alzare il regime del motore in fase di primo avviamento a freddo.

* Albero motore e biella ricevono un trattamento di cementazione e temperatura per aumentarne la rigidità.

* Le superfici dei lobi dell’albero a camme ricevono un trattamento di nitrurazione morbida che ne rallenta l’usura e ne aumenta l’affidabilità agli alti regimi.

* Le superfici delle punterie ricevono un trattamento di cementazione per una durata maggiore.

* Un ampio deflettore all’interno del corpo del filtro aria impedisce la penetrazione del fango.

* Il silenziatore usa una guarnizione in fibra lunga molto più difficile da scalzare dal tubo di scarico rispetto ad una guarnizione di lunghezza standard. Di conseguenza la frequenza di sostituzione del fonoassorbente è dimezzata.

* La struttura del silenziatore (che varia leggermente a seconda dei mercati) garantisce il rispetto dei regolamenti sull’inquinamento acustico.

 

Telaio

* Il forcellone in lega ha una sezione anteriore fusa, bracci idroformati rastremati e tendicatena forgiati.

* Un paramotore sintetico di generose dimensioni fornisce un’ottima protezione con un peso ridotto.

 

Altro

* Gli accessori opzionali del motore comprendono rotori magnetici con inerzie differenti (8,5, 9,5 kgcm2; standard: 9,0 kgcm2).

* Gli accessori opzionali del telaio comprendono i supporti del manubrio da  28,6 mm (standard:  22,2 mm), corone posteriori in alluminio e acciaio (48-52T; standard: 50T), dischi freno a petali pieni per fondi bagnati e molle differenti per l’ammortizzatore posteriore (52, 56 N/mm; standard: 54 N/mm).

COLORE/COLORI

* Lime Green (verde) con grafiche stile reparto corse

1 Alumite: un trattamento di finitura per ossidazione anodica dell’alluminio che produce un rivestimento colorato, resistente alla corrosione e ai graffi.

SPECIFICHE

MOTORE

KX450F

Tipo

Cilindrata

Alesaggio e Corsa

Rapporto di compressione

Distribuzione

Sistema di alimentazione

Accensione

Avviamento

Lubrificazione

4 tempi, monocilindrico, raffreddato a liquido

449 cm3

96,0 x 62,1 mm

12,5:1

DOHC, 4 valvole

Iniezione carburante: φ43 mm x 1 (Keihin)

Digitale DC-CDI

A pedale

Lubrificazione forzata, scarico con coppa a semi-secco

TRASMISSIONE

Cambio

Trasmissione finale

Rapporto di trasmissione

Rapporti di trasmissione:

1a

2a

3a

4a

5a

Rapporto di trasmissione finale

Frizione

5 marce

Catena

2,727 (60/22)

1,750 (28/16)

1,412 (24/17)

1,188 (19/16)

1,000 (19/19)

0,875 (21/24)

3,846 (50/13)

Dischi multipli in bagno d’olio, manuale

TELAIO

Tipo

Escursione ruota:

anteriore

posteriore

Pneumatici: anteriore

posteriore

Angolo di inclinazione del cannotto di sterzo

Avancorsa

Angolazione dello sterzo (sinistra/destra)

Perimetrale, in alluminio

314 mm

315 mm

80/100-21 51M

120/80-19 63M

26,9o

113 mm

42o / 42o

 

SOSPENSIONI

KX450F

Anteriore: Tipo

Smorzamento in compressione

Smorzamento in estensione

Posteriore: Tipo

Smorzamento in compressione

Smorzamento in estensione

Precarico molla

Forcella PSF (Pneumatic Spring Fork)
telescopica rovesciata da 48 mm

22 posizioni

20 posizioni

Nuova Uni-Trak

22 posizioni (bassa velocità), 2 giri o più (alta velocità)

33 posizioni

Regolabile in continuo

FRENI

Anteriore: Tipo

Pinza

Posteriore: Tipo

Pinza

Disco singolo a margherita da 252 mm montato saldamente

Doppio pistone

Disco singolo a margherita da 240 mm

Pistone singolo

DIMENSIONI

Lunghezza

Larghezza

Altezza

Interasse

Altezza da terra

Altezza della sella

Peso in ordine di marcia

Capacità del serbatoio

2.180 mm

820 mm

1.275 mm

1.480 mm

330 mm

955 mm

112,5 kg

6,2 litri

Le specifiche tecniche qui riportate si riferiscono e sono state desunte dai modelli di produzione in condizioni di funzionamento standard. Sebbene sia nostra intenzione fornire una descrizione obiettiva del veicolo e delle sue prestazioni, le specifiche potrebbero non essere applicabili ad ogni singolo esemplare messo in vendita. Kawasaki Heavy Industries, Ltd. si riserva il diritto di modificare le specifiche senza preavviso. Gli equipaggiamenti e le specifiche possono variare in funzione del mercato.