KAWASAKI KXF 250 2015!!!

Scritto mercoledì 2 luglio 2014 alle 00:14.

Detail Shot

KX250F Informazioni sul modello 2015

NOME MODELLO: KX250F

 

PRESTAZIONI DA CAMPIONE
La filosofia dietro al design della serie KX, ovvero far salire sul gradino più alto del podio i piloti con esperienza medio-alta, non è cambiata da quando è stato lanciato il primo modello oltre 40 anni fa. La KX250F è forse la moto di maggior successo nella classe estremamente competitive della 250cc a 4 tempi estremamente competitiva. Ha una lunga storia di vittorie, inclusi due campionati nel 2011 e i campionati 250MX nel 2012. A completamento delle sue ben note prestazioni di motore e telaio, le numerose caratteristiche, introdotte per la prima volta in un modello di serie, la tecnologia avanzata e la messa a punto per il 2015, incluse le
nuove regolazioni per i componenti ergonomici, fanno del nuovo modello la KX250F più performante di tutti i tempi.

Le migliori prestazioni della categoria

Prestazioni del motore dominanti: doppi iniettori e aspirazione a flusso rettilineo

NOVITÀ Iniettore inferiore a nebulizzazione più fine: maggiore potenza ai regimi medio-bassi e risposta ancora più pronta.

Prestazioni da gara: pistone con fondo bridged-box
NOVITÀ Design “robusto e leggero” (nervature più spesse)

Vantaggio holeshot: modalità Launch Control
Il sistema con le stesse specifiche delle moto da corsa AMA aiuta i conducenti nelle partenze con condizioni di scarsa aderenza.

Facile messa a punto del motore: selezione taratura DFI
Accesso facilitato a 3 mappature del motore

Messa a punto di precisione del motore: kit settaggio iniezione con le stesse specifiche del reparto corse (optional)
Telaio perimetrale snello in alluminio leggero

Tecnologia avanzata delle sospensioni: forcella SFF (Separate Function front Fork) 

Tipo 2
Con funzioni separate:
Destra: molla
Sinistra: gruppo ammortizzante
Gli steli interni con diametro ampio da φ48 mm contribuiscono alla rigidità della forcella e alla
stabilità dell’avantreno
L’attrito ridotto al massimo contribuisce a un’azione estremamente fluida
Struttura leggera
Registro del precarico

NOVITÀ Nuovo disco a margherita oversize
Freno a disco anteriore più ampio: maggiore potere frenante e controllo
Nuovo design: aspetto elegante (anteriore/posteriore)

NOVITÀ Componenti ergonomici regolabili
4 posizioni di regolazione del manubrio
2 posizioni di regolazione del poggiapiedi

CARATTERISTICHE CHIAVE

Monocilindrico a 4 tempi da 249 cm3 raffreddato a liquido con doppi iniettori
I doppi iniettori, utilizzati per la prima volta in una moto da cross di serie, contribuiscono in maniera determinante alle prestazioni del celebre motore a iniezione della KX250F. L’aspirazione a flusso rettilineo del motore della KX250F consente una maggiore potenza agli alti regimi. Messo a punto per ottenere prestazioni elevate, il motore garantisce potenza agli alti regimi unita a un’eccellente risposta. La messa a punto per il 2015 conferisce un’erogazione ai regimi medio-bassi più energica e una durabilità superiore.

Messa a punto stile reparto corse
Il pistone con fondo bridged-box (introdotto con il modello KX250F 2010 per la prima volta in una moto da cross di serie) è soltanto una delle numerose caratteristiche che arrivano direttamente dalle nostre moto racing.

Comando progressivo
Il leggero corpo farfallato da φ43 mm utilizza due leveraggi interconnessi con un comando progressivo, fornendo così un’eccellente risposta in termini di reattività e potenza.

ECU per il motocross con tarature regolabili
Una centralina ECU dal peso contenuto è stata progettata appositamente per far fronte alle rigorose sollecitazioni del motocross. L’ECU contiene tre mappature del motore (più una quarta per la modalità Launch Control). Il kit settaggio iniezione per le tre mappature, disponibile come optional, consente di riprogrammare le tarature.

Modalità Launch Control
Il sistema Launch Control stile reparto corse aumenta la probabilità di effettuare una buona partenza aiutando i conducenti a ottimizzare la trazione in partenza su superfici ad aderenza ridotta.

Selezione taratura DFI
Utilizzando i connettori rapidi DFI forniti, i conducenti possono accedere in modo semplice e rapido alla selezione di tre mappature (Standard, Hard e Soft) fornite nella centralina ECU.

Telaio perimetrale snello in alluminio
Il telaio perimetrale in alluminio è una struttura leggera composta da parti forgiate, estruse e colate. Il design snello contribuisce a migliorare l’ergonomia da gara.

NOVITÀ Posizione manubrio regolabile
Una scelta di quattro posizioni consente ai conducenti di creare la propria posizione di guida su misura. Manubrio e protezione Renthal fanno parte della dotazione di serie.

NOVITÀ Posizione poggiapiedi regolabile
I conducenti possono scegliere due diverse posizioni in base alla corporatura e alle preferenze individuali.

Interfaccia più naturale per il conducente
Il telaio snello, la scocca minimalista e la linea serbatoio-sella meno inclinata sono stati introdotti per facilitare il raggiungimento delle alte velocità.

NOVITÀ Forcella SFF (Separate Function front Fork) Tipo 2
La forcella SFF, introdotta con il modello KX250F 2011 per la prima volta in una moto da cross di serie, alloggia un gruppo ammortizzante nello stelo sinistro e una molla nel destro. Gli steli della forcella da φ48 mm e la struttura interna contribuiscono a una maggiore sensazione di stabilità anteriore, un maggiore confort di marcia e un’azione ammortizzante migliorata, una migliore resistenza all’effetto “fono corsa” e ulteriore stabilità in frenata o in fase di atterraggio dopo un salto. Nel modello 2015, le nuove tarature delle valvole offrono una migliore ammortizzazione, maggiore maneggevolezza e stabilità di guida alle alte velocità.

Sospensioni anteriori con caratteristiche da gara
Il rivestimento di titanio super resistente (unico in questa classe) protegge la forcella dal deterioramento per abrasione. Il rivestimento di alumite autolubrificante crea una superficie dura a basso coefficiente di attrito sul fodero per proteggere la superficie in alluminio e ridurre ulteriormente l’attrito, rendendo più fluida l’azione della forcella.

NOVITÀ Sospensioni posteriori Uni-Trak
Gli attacchi del leveraggio sotto al forcellone consentono una regolazione più precisa delle sospensioni. La compressione a doppia regolazione offre un’ampia gamma di opzioni di messa a punto. Il rivestimento di alumite autolubrificante sul cilindro del serbatoio migliora la resistenza all’usura e l’azione ammortizzante. Nel modello 2015, le nuove tarature contribuiscono a una migliore ammortizzazione che risulta in maggiore maneggevolezza e stabilità di guida alle alte velocità.

NOVITÀ Freni a disco a margherita
I freni a disco anteriore e posteriore a margherita dal nuovo design stile reparto corse offrono un’ottima azione frenante, un controllo eccellente e un aspetto sportivo di elevata qualità. Il freno a disco anteriore oversize da φ270 mm aumenta ulteriormente il controllo.

NOVITÀ Linea stile reparto corse
A complemento del design e della grafica stile reparto corse, i cerchi Black Alumite1 (neri), i paraforcelle neri e i nuovi dettagli verdi contribuiscono a definire l’identità Kawasaki. La finitura Green Alumite1 (verde) sui registri delle sospensioni e la colorazione verde su alcune parti della modanatura del motore accentuano l’immagine da alte prestazioni della KX250F.

MOTORE A DOPPIA INIEZIONE, POTENTE AGLI ALTI
REGIMI CON MESSA A PUNTO DA COMPETIZIONE
Con una messa a punto per piloti esperti, l’ampia curva di potenza del motore monocilindrico a 4 tempi da 249 cm3 raffreddato a liquido mira ad ottenere prestazioni elevate agli alti regimi e ad estendere l’allungo. Ampiamente apprezzato per il suo elevato rendimento e l’omogenea erogazione di potenza (grazie ai doppi iniettori, utilizzati per la prima volta in una moto da cross,, all’aspirazione diretta e alla messa a punto e alle parti stile reparto corse, quali il pistone ad alte prestazioni con fondo bridged-box) nonché per la modalità Launch Control, il motore della KX250F modello 2015 è stato sottoposto a un’accurata messa a punto per ottenere un’erogazione ai regimi medio-bassi più energica e una durabilità superiore.

Potenza superiore: doppi iniettori e convogliamento diretto dell’aspirazione
I doppi iniettori (utilizzati per la prima volta in una moto da cross sul modello 2012), e il convogliamento diretto dell’aspirazione assicurano omogeneità di erogazione.
* Il sistema d’iniezione carburante della KX250F è dotato di doppi iniettori: un iniettore a valle della valvola a farfalla (la posizione degli iniettori nei sistemi standard) e un secondo iniettore superiore ubicato vicino all’airbox.
* A differenza della doppia iniezione tipica dei modelli supersport (in cui l’iniettore superiore entra in gioco fornendo carburante aggiuntivo solo quando necessario), i
due iniettori presenti nel sistema d’iniezione del carburante nella KX250F svolgono funzioni distinte: l’iniettore inferiore garantisce una risposta fluida e immediata, mentre quello superiore ha il compito di fornire potenza. Con l’aumento del regime di rotazione e della posizione delle farfalle, il funzionamento primario passa dall’iniettore inferiore a quello superiore. (A seconda che sia innestata una marcia bassa (1a, 2a) o alta (3a, 4a, 5a), il passaggio è graduale o pressoché istantaneo.)

* La maggiore distanza tra l’iniettore superiore e la camera di combustione non soltanto prolunga l’intervallo di miscelazione fra le particelle di carburante e l’aria di
aspirazione, ma consente al contempo alla miscela di raffreddarsi prima di accedere alla camera di combustione, migliorando in tal modo il riempimento.
* Condotti di aspirazione ampi e dritti consentono all’aria di fluire in maniera diretta dalla scatola del filtro dell’aria alla camera di combustione. Questa disposizione
contribuisce ad assicurare prestazioni ottimali agli alti regimi.
* Per garantire la repentina richiesta di un elevato flusso di carburante da parte del motore agli alti regimi, entrambi gli iniettori sono dotati di fori maggiorati rispetto a quelli utilizzati nella KX450F. Il flusso di carburante risulta quindi superiore del 20% circa rispetto alla KX450F.
NOVITÀ * Entrambi gli iniettori sono a nebulizzazione ultrafine con 4 fori e spruzzano particelle delle dimensioni di 120 μm quello superiore e 75 μm quello inferiore. Le particelle di dimensioni ridotte spruzzate dall’iniettore inferiore e l’angolo di nebulizzazione superiore contribuiscono a una migliore risposta in termini di reattività e potenza ai regimi medio-bassi nonché a una ripresa migliore.
* Il corpo farfallato da φ43 mm utilizza un comando progressivo per fornire un flusso d’aria analogo ad un carburatore FCR. Utilizzando due leveraggi interconnessi, il
corpo farfallato si apre con maggiore rapidità dopo aver raggiunto la posizione di apertura 3/8, fornendo così un’eccellente risposta in termini di reattività e potenza.
* Appositamente progettato per il motocross, il sistema d’iniezione carburante incorpora una centralina ECU leggera e di dimensioni ridotte e non necessita di batteria, garantendo un’ulteriore riduzione del peso. Con l’iniezione di carburante viene altresì eliminata la necessità di messa a punto del motore in funzione delle condizioni climatiche e del tracciato.
NOVITÀ * Le nuove impostazioni della centralina ECU, che rispondono alle modifiche apportate agli iniettori e al rotore, si traducono in un aumento di potenza, prontezza del motore e prestazioni ai regimi medio-bassi.
* L’esigenza di un avviamento rapido senza l’uso della batteria ha costituito un obiettivo primario nella progettazione del sistema d’iniezione della KX. Utilizzando solamente l’elettricità generata dall’avviamento a pedale, il motore può essere avviato con soli tre giri dell’albero motore. Il sistema fornisce elettricità nel seguente ordine: 1) ECU, 2) pompa carburante, 3) iniettore. A motore caldo, l’avviamento può avvenire con un solo azionamento del pedale.
* La centralina ECU compatta e leggera, ubicata di fronte al cannotto di sterzo (dietro al portanumero), è stata progettata specificatamente per il motocross. Per far fronte alle sollecitazioni e alle vibrazioni tipiche di questo utilizzo, il relè della pompa carburante è incorporato nella ECU.
* La pompa carburante, ubicata nel serbatoio carburante, è in alluminio leggero.
* Per garantire un flusso di carburante costante anche nelle condizioni operative più estreme dettate dallo stile del motocross, la pompa carburante è stata dotata di un coperchio per filtro in plastica integrato che avvolge il condotto di aspirazione e funge da pozzetto del carburante. (L’integrazione del coperchio del filtro, la modifica del materiale da gomma a plastica e l’eliminazione del tubo di ritorno carburante dal regolatore di pressione contribuiscono a ridurre ulteriormente il peso.)

Vantaggio holeshot: modalità Launch Control
Le moto da cross KX hanno attinto a lungo alla tecnologia per offrire ai conducenti le migliori prestazioni possibili fin da subito. La modalità Launch Control è soltanto una tra le caratteristiche delle moto da gara a determinare un vantaggio per i piloti allineati ai cancelli di partenza.
* Il modello KX250F è dotato di un sistema Launch Control simile a quello delle nostre moto da gara. Semplicemente premendo un pulsante i piloti possono attivare una mappatura del motore separata per garantire partenze efficienti in gara anche in condizioni di aderenza ridotta. (La mappatura della modalità Launch Control ritarda la fasatura dell’accensione, consentendo alle ruote di ottenere aderenza in situazioni di bassa trazione e permettendo ai piloti di concentrarsi sulle linee.)
* La modalità Launch Control ha maggiore effetto durante i primi secondi di rilascio della frizione alla partenza. Per i piloti si tratta di un momento cruciale in cui
posizionarsi in testa ai propri rivali, in modo da guadagnare una posizione migliore all’ingresso della prima curva.
* Anche per i piloti di più alto livello, controllare la potenza di una moto da cross classe 250cc alla partenza richiede un grande controllo dell’acceleratore e delicatezza con la frizione. Diminuendo lievemente tale potenza, la modalità Launch Control aiuta i piloti a ottimizzare la trazione e aumentare la probabilità di effettuare una buona partenza.
* Per attivare la modalità Launch Control i piloti devono tenere premuto il pulsante Launch Control (per due o più secondi), posizionato sul lato sinistro del manubrio.
(Una volta attivato, la spia luminosa vicina al pulsante lampeggerà velocemente per avvisare il conducente che è in funzione.)
* La modalità Launch Control funziona in prima e seconda marcia (e in folle). Quando il conducente passa alla terza, il sistema si disattiva automaticamente, tornando alla mappatura normale del motore.
* Sistema progettato con le stesse specifiche delle nostre moto AMA.

Facile messa a punto del motore: selezione taratura DFI (3 mappature a scelta)
La messa a punto del motore in funzione delle condizioni non è mai stata così semplice come con i connettori rapidi DFI della serie KX. Il sistema stile plug-and-play è rapido, semplice ed intuitivo.
* Invece di una sola mappatura del motore, l’ECU ne presenta tre (quattro, se si conta la mappatura della modalità Launch Control).
* Le tarature iniziali per le tre mappature sono: Standard, Hard (condizioni dure) e Soft (condizioni morbide). Utilizzando i connettori rapidi in dotazione, i piloti possono passare velocemente da una mappatura all’altra, fra le tre esistenti, per soddisfare ogni condizione di guida. Inserendo ciascuno dei connettori rapidi a quattro pin viene attivata la specifica mappatura del motore. (Per una maggiore praticità, la presa è situata a destra del cannotto di sterzo in modo da essere facilmente accessibile senza dover rimuovere alcun elemento.)
* Il kit settaggio iniezione per le tre mappature, disponibile come optional, consente di riprogrammare le tarature (vedere sotto).

Messa a punto di precisione del motore: kit settaggio iniezione (opzionale)
Il kit settaggio iniezione è lo stesso kit utilizzato dai team di Kawasaki negli Stati Uniti. Il kit consente ai conducenti esperti di regolare le caratteristiche del motore, tramite la riscrittura della mappatura dei dati effettivi in base alle esigenze individuali, di registrare, quindi, i dati di guida e successivamente di analizzarli per procedere a ulteriori messe a punto.
* Il kit settaggio iniezione contiene: il KX Software Racing, il controller dell’ECU, l’attrezzatura per il montaggio e un cavo USB. Oltre al kit, sono necessari solamente
alcune parti specifiche per il modello (disponibili separatamente), un PC e una batteria da 12 V.
* Il kit, facile da utilizzare, è stato ideato per soddisfare sia i piloti esperti sia gli agonisti:
– per facilitare l’accesso, il controller dell’ECU si trova dietro al portanumero
– per accedere all’ECU, è sufficiente collegare un PC al controller tramite cavo USB (non vi sono ulteriori interruttori da azionare)
– la regolazione delle impostazioni può essere effettuata anticipatamente con il PC o direttamente quando si è collegati all’ECU
– l’interfaccia utente del kit è intuitiva e di facile utilizzo
* Il kit settaggio iniezione dispone di sette impostazioni preprogrammate che possono essere utilizzate in maniera facile e veloce per la regolazione dell’ECU in base alle condizioni del tracciato. Le impostazioni disponibili sono mostrate di seguito.

Screenshot 2014-07-01 at 19.29.01

* Per un’ottimizzazione avanzata delle impostazioni, è possibile regolare le mappature dell’ECU per il volume di carburante iniettato (tramite la finestra di regolazione dell’iniezione) e per la fasatura dell’accensione (tramite la finestra di regolazione dell’accensione) in base alla posizione delle farfalle e al regime di rotazione.
* Sono disponibili varie opzioni di visualizzazione. Fare clic su [Grafico 3D] o [Grafico 2D] in [3D/2D] per selezionare la visualizzazione bidimensionale o tridimensionale. Quando si utilizza [Grafico 3D], per selezionare il tipo di visualizzazione, scegliere [Visualizzazione superficie] o [Visualizzazione telaio] in [Tipo di grafico 3D].
* È possibile effettuare sia il trascinamento della selezione (nella finestra del grafico), sia la modifica numerica (nella pagina della mappa).
* Quando è collegato all’ECU, il kit settaggio iniezione può essere utilizzato per visualizzare lo stato del motore acceso. Le informazioni possono essere visualizzate
in formato numerico sull’apposito monitor oppure graficamente tramite un meter dotato di numerose opzioni di visualizzazione.
* Il kit settaggio iniezione può essere utilizzato anche come registro dati per acquisire fino a sei ore di dati a seconda del numero di parametri impostati (regime del motore, angolo di apertura della valvola e così via). Al termine del percorso, è possibile visualizzare i dati di guida nella finestra [Analizza]. È possibile selezionare
indipendentemente i parametri da registrare e visualizzare.
* I dati registrati possono essere messi in relazione al percorso per verificare le reali condizioni di guida, consentendo di stabilire impostazioni d’iniezione più efficienti. È anche possibile effettuare confronti prima e dopo la guida, nonché confronti tra conducenti diversi.

* Il kit è compatibile con i sistemi operativi a 64 bit (come Windows 7) oltre che con i sistemi a 32 bit (Windows 7, XP, Vista).
Per informazioni più dettagliate sull’utilizzo e sulle funzioni del kit settaggio iniezione, fare riferimento al Manuale di istruzioni per il kit settaggio iniezione KX.

Messa a punto da competizione e altre caratteristiche sportive del motore
* Il motore è stato messo a punto in modo che la curva della coppia segua il limite di resistenza dinamica il più a lungo possibile. (In mancanza di controllo la coppia del motore potrebbe superare tale limite e provocare lo slittamento della ruota, interferendo sul moto in avanti.)
* Notevoli gli sforzi profusi per ampliare il più possibile il range della coppia, in modo da ottimizzare la trazione in una gamma di regimi di rotazione del motore più ampia possibile.
* Il pistone ad alte prestazioni richiama il design delle nostre moto da corsa e garantisce migliori prestazioni a qualsiasi regime del motore. Un mantello ridotto, nervature esterne rinforzate e fondo bridged-box, l’adozione di un rinforzo interno, si traducono in un pistone più leggero e resistente.
NOVITÀ * Superficie inferiore e nervature esterne rinforzate più spesse aumentano la resistenza dei pistoni.
NOVITÀ * I nuovi spinotti dei pistoni più leggeri controbilanciano il peso acquisito con le parti rinforzate.
* Il rivestimento di stagno e le striature presenti sulla superficie esterna del pistone garantiscono un buon livello di resistenza all’usura e di ritenzione dell’olio a fronte di un attrito di scorrimento minimo.
* Gli alesaggi dei cilindri sono rivestiti in nichel, che offre una maggiore adesione del rivestimento per far fronte all’elevata potenza del motore.
* Le leggere valvole in titanio (aspirazione: 31 mm; scarico: 25 mm) riducono il peso alternativo e garantiscono affidabilità agli alti regimi. Le valvole ultraleggere hanno uno stelo estremamente sottile, al pari delle valvole utilizzate nelle supersportive. Le valvole di aspirazione presentano il fungo più spesso per incrementarne la resistenza e sono realizzate con un materiale di titanio estremamente rigido, al pari delle valvole di scarico.
* La candela di accensione sporge in profondità nella camera di combustione, favorendo una combustione più efficiente.
* Il design del braccio di manovella incrementa il momento di compensazione elevando il fattore di bilanciamento dell’albero motore. A quasi il 60%, il fattore di bilanciamento della KX250F modello 2015 eguaglia quello delle nostre moto da corsa. Un fattore di bilanciamento elevato contribuisce alla riduzione delle vibrazioni del motore, a un’erogazione della potenza più fluida e a un miglioramento delle prestazioni ai regimi medio-alti.

NOVITÀ * Il rotore magnetico con inerzie maggiori (9,0 kgcm2 >> 9,5 kgcm2) risponde meglio alle maggiori prestazioni in accelerazione.
* Con spessore di 32 mm, una larghezza di 117,8 mm e un passo ampio tra alette e tubo, i nuovi radiatori offrono resistenza all’accumulo di fango e pari prestazioni di
raffreddamento.
* Le grandi aperture nei convogliatori del radiatore aumentano il flusso d’aria, contribuendo a migliorare il raffreddamento.
* La guida della catena di trasmissione a rullo dentato contribuisce a regolarizzare l’effetto del freno motore riducendo il contraccolpo generato dal repentino rilascio
dell’acceleratore e dall’improvviso recupero del gioco nel tratto inferiore della catena. Questo controllo addizionale agevola l’entrata in curva.

TELAIO PER ALTE VELOCITÀ CON COMPONENTI E
MESSA A PUNTO PRONTO GARA
Il telaio perimetrale in alluminio della KX250F è una struttura leggera e slanciata composta da parti forgiate, estruse e fuse. Il bilanciamento e le tarature del telaio sono stati eseguiti in funzione delle esigenze dei piloti da gara. Il baricentro e le dimensioni chiave (posizioni del perno del forcellone, pignone e assale posteriore) sono stati selezionati in modo che la ruota posteriore proietti la moto in avanti, anziché tendere all’impennata. Apprezzato per la stabilità alle alte velocità, il telaio è affiancato dalla forcella SFF (Separate Function front Fork), caratterizzata da una notevole riduzione dell’attrito che assicura un maggiore confort di marcia e un’azione ammortizzante migliorata. Nel modello 2015, il nuovo assetto delle sospensioni anteriori e posteriori offre una maggiore stabilità di guida e una forza di smorzamento superiore, una maggiore maneggevolezza alle alte velocità e una migliore ammortizzazione in fase di atterraggio dopo un salto.

Sospensioni da gara: forcella SFF Tipo 2
La KX250F è stata la prima moto da cross di serie ad adottare la forcella Showa SFF (Separate Function front Fork), nella quale le funzioni di smorzamento e di ammortizzazione
vengono separate:
 Stelo sinistro della forcella: gruppo ammortizzante
 Stelo destro della forcella: molla
Tale configurazione offre sia un’azione più fluida sia un’ammortizzazione più stabile – una combinazione non facile da ottenere con una forcella tradizionale.
* I nuovi steli interni con diametro superiore da φ48 mm aumentano la rigidità della forcella, contribuendo a una maggiore stabilità dell’avantreno.
* Con una sola molla, l’attrito generato tra la molla e gli steli interni della forcella viene ridotta notevolmente (del 25% circa), determinando un’azione estremamente fluida lungo tutta la corsa della forcella.

* L’utilizzo di pistoni di smorzamento più ampi non solo consente di ottenere un’azione più fluida, ma rende anche possibile un’ammortizzazione più stabile.
* Gli steli della forcella di diametro maggiorato fanno in modo che numerosi componenti dell’ammortizzatore siano più grandi.
Pistone principale φ30 mm
Pistone secondario φ35 mm
Con componenti più grandi è possibile ottenere la stessa forza di smorzamento della forcella SFF Tipo 1 da φ47 mm con una pressione interna inferiore. Con una
pressione inferiore la forcella SFF Tipo 2 da φ48 mm presenta caratteristiche ottimali per offrire maggiore confort di marcia e un’ammortizzazione più stabile.
* La rimozione del gruppo ammortizzante dallo stelo destro della forcella libera spazio per il registro del precarico e semplifica notevolmente l’impostazione del precarico della forcella o dell’altezza anteriore: con una forcella tradizionale è infatti possibile regolare facilmente soltanto l’altezza posteriore; per poter regolare l’altezza anteriore è invece necessario smontare gli steli della forcella e utilizzare collari e altri attrezzi speciali. Con la forcella SFF, al contrario, è possibile impostare in maniera facile e veloce il precarico e l’altezza sia anteriori che posteriori.
* Oltre alla regolazione del precarico, la forcella da gara SFF semplifica anche altri interventi di manutenzione, come la regolazione dell’ammortizzazione e il cambio
delle molle.

Screenshot 2014-07-01 at 19.34.03

* La forcella SFF offre un migliore bilanciamento laterale, che aumenta notevolmente la maneggevolezza. Concentrando il peso della molla sullo stelo destro, unitamente ad un’accurata messa a punto della robustezza degli steli destro e sinistro, risulta ora meglio bilanciato il peso della pinza del freno e del disco posti sul lato sinistro, che precedentemente creava uno sbilanciamento di peso.
* Un restrittore aggiunto al gruppo ammortizzante e un’asta di giunzione sul lato della molla consentono di mantenere il carattere originale. La posizione del restrittore può essere variata per modificare le caratteristiche di smorzamento e consente, inoltre, di ottenere uno smorzamento ideale. L’asta di giunzione garantisce una forza di smorzamento destra/sinistra equilibrata e contribuisce a raggiungere una rigidità ideale della forcella.
* La forcella SFF Tipo 2 inverte l’asta di giunzione, collocando il cilindro nella porzione superiore della forcella e il tubo dell’asta nella porzione inferiore. (Nella forcella SFF Tipo 1 la disposizione era invertita.) Grazie alla nuova disposizione Tipo 2 migliora sia il confort di marcia, sia la resistenza all’effetto “fondo corsa”.
Con la disposizione della forcella SFF Tipo 1, l’aumento del volume di olio alla base della forcella produceva un aumento lineare della forza di smorzamento.
Quindi con l’aumento della forza di smorzamento per ottenere una maggiore resistenza all’effetto bottoming si sacrificava la qualità della guida nel tratto iniziale della corsa. Con la disposizione della forcella SFF Tipo 2, invece, l’aumento del volume di olio alla base della forcella determina un aumento più progressivo della forza di smorzamento, che consente di aumentare la resistenza all’effetto bottoming senza sacrificare la qualità di guida.
* La disposizione invertita dell’asta di giunzione e l’utilizzo di componenti più grandi, consentito dagli steli interni della forcella di diametro superiore, aumentano la rigidità (in particolare nello stelo destro), determinando un migliore bilanciamento della rigidità tra i tubi della forcella destro e sinistro. La rigidità più bilanciata determina caratteristiche di flessibilità più simili nei tubi destro e sinistro e, di conseguenza, una maggiore stabilità nelle frenate brusche e in fase di atterraggio dopo un salto.
* Un rivestimento di titanio super resistente applicato sulla superficie esterna degli steli della forcella protegge dal deterioramento per abrasione. La maggiore durezza della superficie del rivestimento blu marina contribuisce inoltre a preservare i tubi da graffi e danni. La superficie degli steli resta intatta per un periodo più prolungato, quindi l’attrito di scorrimento nonché l’attrito statico sono ridotti, migliorandone l’azione per una guida più fluida. (La KX250F è l’unico modello da motocross della sua classe a disporre di questo rivestimento da gara.)
* Il rivestimento di alumite autolubrificante crea una superficie rigida a basso coefficiente di attrito sui foderi. Il rivestimento resistente protegge l’interno dei foderi
dal deterioramento per abrasione, garantisce che le superfici di scorrimento restino intatte più a lungo, proteggendo al contempo l’esterno dalla corrosione. Il materiale lubrificante nel rivestimento contribuisce a rendere più fluida l’azione delle sospensioni, in particolare nel tratto iniziale della corsa, e più confortevole la guida.

NOVITÀ * Le nuove tarature delle valvole risultano in un’azione ammortizzante più consistente. La taratura più rigida risulta in una migliore maneggevolezza alle alte
velocità, una maggiore stabilità di guida e un migliore assorbimento in fase di atterraggio dopo un salto.

Sospensione posteriore “race ready”
* La compressione del nuovo ammortizzatore posteriore è a doppia regolazione, consentendo così di tarare l’azione ammortizzante alle alte velocità e alle basse
velocità separatamente.
* Il rivestimento di alumite autolubrificante sul cilindro del serbatoio protegge dal deterioramento per abrasione e riduce l’attrito rendendo più fluida l’azione delle
sospensioni.
NOVITÀ * Come per la forcella, anche le nuove tarature delle valvole favoriscono una migliore azione ammortizzante. La taratura più rigida dona maggiore maneggevolezza alle alte velocità, una maggiore stabilità di guida e un migliore assorbimento in fase di atterraggio dopo un salto.
* Nel nuovo sistema di sospensione posteriore Uni-Trak il braccio della sospensione si trova sotto il forcellone, in modo da allungare la corsa della sospensione.
L’allungamento della corsa consente, a sua volta, una regolazione più precisa della sospensione posteriore.
* Sono stati condotti test approfonditi per determinare i rapporti dei leveraggi e le tarature dell’ammortizzatore ideali per ottimizzare la trazione della ruota posteriore.

Interfaccia regolabile più naturale per il conducente
Il telaio e la scocca minimalista della KX250F, progettati pensando all’ergonomia del conducente, offrono un’interfaccia più naturale per il conducente e un’ergonomia da gara.
Insieme alle nuove possibili regolazioni di manubrio e poggiapiedi, la posizione di guida naturale rende ancora più facile il controllo alle alte velocità.
NOVITÀ * La piastra superiore con due differenti alloggiamenti per il manubrio e supporti del manubrio reversibili offre ai conducenti una scelta di quattro posizioni del manubrio:
25 mm avanti, 15 mm avanti, standard e 10 mm indietro.
NOVITÀ * Le staffe regolabili del poggiapiedi consentono ai conducenti di abbassare la posizione del proprio poggiapiedi di 5 mm. Nella posizione più bassa, il baricentro è ribassato così come il punto di vista del conducente, caratteristica che aumenta la stabilità sia fisica che psicologica.
* Il telaio più stretto, misurato alle travi principali, contribuisce a snellire l’aspetto complessivo con una buona ergonomia. La posizione di guida sportiva facilita il
controllo.
* Il design più lineare del serbatoio e della sella offre al conducente tutta la libertà di movimento durante i cambi di posizione e gli consente di sedersi più in avanti con facilità.

* I convogliatori minimalisti sono stati progettati più piccoli e sono sottili nel punto in cui entrano in contatto con le gambe del conducente. Il design a due tonalità è stato ottenuto utilizzando un processo di formatura a doppia iniezione.
* I fianchetti laterali minimalisti sono stati realizzati anch’essi di dimensioni più ridotte possibile.
* La sella presenta, inoltre, una superficie antiscivolo, al fine di offrire un’ottima aderenza al conducente quando è seduto, e fianchi lisci per garantire al contempo
un’eccellente mobilità. L’uretano della sella aiuta a mantenere la forma originale più a lungo.
* Gli accoppiamenti tra i convogliatori, la sella e i fianchetti laterali sono ben raccordati, in modo da facilitare il controllo e permettere il movimento sulla moto.
* Il telaio si allarga in corrispondenza delle caviglie per offrire al conducente una migliore presa, mentre si restringe in prossimità del ginocchio sotto la sella per
consentire una posizione di guida più aderente.
* Le ampie pedane longitudinali sono state progettate per garantire ai conducenti un’ottima presa e una sensazione di maggiore stabilità.
* La cuffia del cavo della frizione ha un registro rapido di ampie dimensioni che consente ai conducenti di regolare agevolmente il gioco del cavo stesso.
* La manopola dell’acceleratore ha un collare integrato. Questa unità monoblocco garantisce ulteriore stabilità in accelerazione.
* La trama delle manopole leggere è stata progettata per offrire una presa eccellente e un’imbottitura migliore.

Altri componenti del telaio finalizzati alle competizioni
NOVITÀ * I freni a disco a margherita sono uno dei numerosi componenti stile reparto corse della KX250F. I nuovi dischi di foggia elegante contribuiscono all’aspetto sportivo della moto e all’immagine complessiva di qualità.
NOVITÀ * Il freno a disco anteriore oversize da φ270 mm contribuisce ad una potenza frenante superiore, ma il vero vantaggio consiste nel maggiore controllo in frenata.
A completamento dei dischi di grande diametro, la nuova pompa del freno anteriore e le pastiglie anteriori con un coefficiente di attrito superiore determinano un ottimo potere frenante e un maggior controllo (soprattutto all’inizio dell’azione frenante e fino a metà corsa).
* Il parapinza posteriore protegge la pinza da eventuali danneggiamenti.
* Gli pneumatici Dunlop contribuiscono ad aumentare la stabilità nei rettilinei.
* Il manubrio in alluminio Renthal (tipo standard) stile reparto corse è montato di serie.
* Il mozzo posteriore senza nervature e i raggi conici riducono il peso delle masse non sospese.
NOVITÀ * I perni più leggeri riducono il peso della ruota anteriore di 31 g e di quella
posteriore di 32 g.

Linea stile reparto corse
La scocca minimalista, il nuovo design del parafango e del portanumero anteriore confermano la KX250 come la moto più accattivante del paddock. Anche le grafiche racing rispecchiano le eccellenti prestazioni della KX250F.
NOVITÀ * Con il modello 2015, i nuovi dettagli verdi per il registro della sospensione, il tappo dell’olio del motore e i tappi sul coperchio dell’alternatore contribuiscono a rinforzare il tipico aspetto Kawasaki.
* I cerchi sono rifiniti in Black Alumite1 (nero), proprio come le moto da corsa.
* La forcella e i registri dell’ammortizzatore posteriore hanno finiture Green Alumite1

(verde) come le nostre moto da corsa negli Stati Uniti.
* Le finiture verdi sul tappo dell’olio e sui due tappi sul coperchio dell’alternatore contribuiscono al look da competizione.
* Logo in rilievo sul coperchio della frizione, pensato per apparire in modo graduale in seguito al contatto ripetuto con gli stivali da guida che eliminano la vernice.
* I coperchi motore argentati mettono ancora più in evidenza il look da competizione della KX250F.
* Grafiche stile reparto corse fungono da complemento alle eccellenti prestazioni della KX250F.

ULTERIORI CARATTERISTICHE
Motore
* La struttura del silenziatore (che varia leggermente a seconda dei mercati) garantisce il rispetto dei regolamenti sull’inquinamento acustico.

Telaio
* Il forcellone in lega ha una sezione anteriore fusa, bracci idroformati rastremati e tendicatena forgiati.
* Un paramotore sintetico di generose dimensioni fornisce un’ottima protezione con un peso ridotto.
NOVITÀ * Le pareti più sottili dei tubi del telaio posteriore (t2,0 mm >> t1,8 mm) riducono il peso di circa 50 g.

Altro
* Gli accessori opzionali del motore comprendono rotori magnetici con inerzie differenti (8,5, 9,0 kgcm2; standard: 9,5 kgcm2) e un pignone 12T (a 12 denti)(standard: 13T).

* Gli accessori opzionali del telaio comprendono portamanubri per barra da φ28,6 mm (standard: φ22,2 mm), corone posteriori in alluminio e acciaio (48-52T; standard: 50T), dischi freno a margherita pieni per fondi bagnati, molle differenti per forcella anteriore (9,0, 9,2, 9,4, 9,6, 9,8, 10,0 N/mm; standard: 9,6 N/mm) e ammortizzatore posteriore (49, 51, 53, 55 N/mm; standard: 53 N/mm).
* Una spia dell’iniezione (disponibile come optional) rileva eventuali problemi al sistema d’iniezione.

COLORE/COLORI
* Lime Green (verde) con grafiche stile reparto corse

1 Alumite: un trattamento di finitura per ossidazione anodica dell’alluminio che produce un rivestimento colorato, resistente alla corrosione e ai graffi.

Screenshot 2014-07-01 at 19.43.07

 

Screenshot 2014-07-01 at 19.43.19

 

Screenshot 2014-07-01 at 19.43.37

 

Screenshot 2014-07-01 at 19.43.53

 

Screenshot 2014-07-01 at 19.44.03

 

Screenshot 2014-07-01 at 19.44.14

Le specifiche tecniche qui riportate si riferiscono e sono state desunte dai modelli di produzione in condizioni di funzionamento standard. Sebbene sia nostra intenzione fornire una descrizione obiettiva del veicolo e delle sue prestazioni, le specifiche potrebbero non essere applicabili a ogni singolo esemplare messo in vendita. Kawasaki Heavy Industries, Ltd. si riserva il diritto di modificare le specifiche senza preavviso. Gli equipaggiamenti e le specifiche possono variare in funzione del mercato.

.

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

.