Di Traverso – Flat track school

Scritto mercoledì 25 novembre 2015 alle 23:36.

www.ditraversoschool.it

www.ditraversoschool.it

Di Traverso – Flat track school

Articolo di Alberto Herholdt

Prendete una Yamaha SR 400, datela in mano a Deus per “alleggerirla” un po’, mettetela in un ovale di terra battuta e il gioco è quasi fatto. Quasi perché metterla di traverso non e’ così semplice come si pensa. Di solito quando ci si immagina un traverso, si pensa subito ad una perdita di aderenza causata da una manata di gas un po’ troppo violenta. In questo caso non e’ così. Qui il traverso è un’ arte e la moto va guidata con una sensibilità estrema. Di solito noi crossisti evitiamo di mette la moto di traverso perché così facciamo più strada e scarichiamo tutta la potenza a terra (in teoria). Uscire da una curva con la moto che sbatte di qua e di là come una bandiera al vento sarebbe alquanto penalizzante sul cronometro (sempre in teoria). Nel motocross ci sono canali e appoggi, qui invece e’ tutto liscio e piatto, come il pavimento dei garage quando passavamo i pomeriggi interi a fare le sgomme in bici da sbarbati.
Per questo motivo, Marco Belli, istruttore federale e fondatore della Di Traverso School ha dovuto scaldare a dovere la sua ugola urlandoci dietro quando sbagliavamo e rischiando più di una volta di ricevere la moto degli alunni sulle tibie.

www.ditraversoschool.it

Di Traverso School

www.ditraversoschool.it

Una volta scaldata la gola, Marco ha pensato bene di scaldare anche il polso destro deliziandoci con dei traversi da manuale tra i birilli. Una combinazione di freno posteriore e gas che neanche una standista dell’ EICMA ti fa rimanere così a bocca aperta… Chapeau!
Dopo un’ oretta abbondante di teoria, Marco ha aperto il “recinto” e ci ha fatto pascolare nell’ovale. Abituarsi a staccare senza freno anteriore non è cosa da poco. Si avete capito bene, le moto da flat track non hanno freno anteriore. Quelli veramente forti girano nell’ovale da un miglio (circa 1600 metri) con bicilindriche pompate a dovere senza freno anteriore a velocità di media di oltre 140 mph (circa 225 km/h). Insomma ci vuole un bel pelo sullo stomaco!
Torniamo al mondo reale. Per fortuna le moto della scuola hanno il freno anteriore ma, come suggerito dal buon maestro, da usare solo per estrema emergenza. Se pinzi in staccata, il davanti si chiude immediatamente e in una frazione di secondo sei per terra.
Iniziamo a prendere le misure nell’ ovale e giro dopo giro capiamo sempre di più come comportarci in entrata e in uscita di curva facendo tesoro dei consigli di Marco.

www.ditraversoschool.it

Di Traverso School
Sentire la moto che si intraversa in staccata e in uscita di curva e’ una sensazione unica. Che goduria ragazzi!
Purtroppo però, come ben sappiamo, tutte le cose belle durano poco e appena iniziavamo a prenderci gusto abbiamo dovuto lasciare spazio al turno successivo.
Sarà nostro impegno cercare di organizzare una giornata dedicata agli utenti di MxBars per provare le sensazioni che solo un bel traverso puo’ dare. E allora… Go fast, turn left!

Un ringraziamento speciale a Marco Belli e a tutto il suo staff per averci ospitato.

Per maggiori informazioni visitate www.ditraversoschool.it

.

SEGUITECI QUI!!!

https://www.facebook.com/mxbars

https://twitter.com/MxBars

http://instagram.com/mxbars/

.